menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Iplom, riavviate le procedure per bonificare il Polcevera

Sabato 28 gennaio i cittadini della Valpolcevera avevano nuovamente fatto sentire la propria voce con una manifestazione

Torna d'attualità in Valpolcevera il tema della bonifica dello stabilimento Iplom dopo il disastro del petrolio nel Polcevera nel mese di aprile del 2016, al centro tra l'altro di una manifestazione sabato 28 gennaio organizzata  dal Comitato Spontaneo Cittadini Borzoli e Fegino.

Il Comune di Genova ha infatto dato nuovamente il via al procedimento che porterà alla bonifica del torrente Polcevera invando una nota a tutti gli enti coinvolti oltre che ad Iplom che avrà a disposizione trenta giorni per presentare il piano di caratterizzazione della società e le integrazioni richieste dall'amministrazione comunale. Il piano sarà a carico di Iplom e si tratta di una indagine che permetta di attestare l’entità dei fenomeni di contaminazione delle diverse “matrici ambientali” del sito. Le informazioni raccolte serviranno poi per prendere decisioni realizzabili e sostenibili per mettere in sicurezza e bonificare il sito stesso.

Il piano era stato presentato nel mese di agosto e, in seguito alle richieste di integrazioni da parte del Comune di Genova lo scorso 14 dicembre Iplom aveva inviato una nota tramite la quale comunicava l'intenzione di continuare il procedimento solo in riferimento alla “matrice” terreno del versante interessato dalla rottura della tubazione, ritenendo che tutta la restante parte dovesse essere inquadrata esclusivamente nell'ambito del procedimento presso il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. Dopo le richieste di chiarimenti del Comune di Genova, il Ministero ha comunicato il 23 gennaio di essere in attesa di riscontro da parte della Direzione generale Salvaguardia del territorio e delle acque.

Gli assessore all'almbiente Italo Porcile e ai lavori pubblici Gianni Crivello hanno spiegato: «Viste le perduranti esigenze di bonifica la volontà dell’Amministrazione comunale è evitare ulteriori tempi di attesa. Ecco perché oggi, anche tenendo conto delle esigenze della città e del quartiere di Fegino, il Comune ha riavviato il procedimento per l’approvazione del Piano di caratterizzazione, comprendente tutte le richieste di integrazioni».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Vaccini covid, Astrazeneca per le persone tra 60 e 79 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento