menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Torna in libertà Ionas, il fochino salvato anche grazie all'Acquario di Genova

Il cucciolo di foca monaca era stato trovato lo scorso ottobre sulla spiaggia di Mykonos in un grave stato di disidratazione e anemia. Curato da Mom anche grazie al contributo della struttura genovese, è tornato in mare aperto

È tornato in mare dopo circa quattro mesi di cure il piccolo Ionas, il cucciolo di foca monaca trovato lo scorso 8 ottobre su una spiaggia di Mykonos in un grave stato di disidratazione e anemia e preso in cura dal centro Mom, l’organizzazione greca non governativa che dal 1998 si occupa di protezione dell’ambiente marino costiero con cui collabora anche l’Acquario di Genova.

La struttura genovese ha contribuito al processo di cura e recupero del “fochino”, ricoverato presso l’Attica Zoological Park, sotto la guida del professor Natassa Komninou dell’Università della Tessalonica. Il cucciolo è stato “battezzato” con il nome dalla persona che lo ha ritrovato: negli ultimi mesi ha ripreso peso arrivando ai 58 kg e ha raggiunto uno stato di salute fuori pericolo, e dopo 114 giorni di ricovero è stato rilasciato in mare nel cuore del Parco Marino Nazionale di Alonissos, nelle Sporadi settentrionali.

Fin da subito, il giovane esemplare ha iniziato a esplorare l’area di mare intorno a sé e a godere delle acque cristalline del parco, con segnali positivi e incoraggianti per la buona riuscita dell’operazione. Soddisfazione è stata espressa dall’Acquario di Genova, che ha collaborato alla buona riuscita della riabilitazione organizzando raccolte fondi tra i visitatori e fornendo consulenza veterinaria.

Il ritorno al mare di Ionas è un’ulteriore occasione per sensibilizzare il pubblico alla necessità di conservazione della foca monaca (Monachus monachus), uno dei mammiferi marini a più alto rischio di estinzione del mondo. L’organizzazione Mom, che si occupa in particolare della foca monaca, opera attraverso la pianificazione e l’attivazione di una rete istituzionale, così come attraverso l’informazione e la sensibilizzazione del largo pubblico. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento