Cronaca

Caldo e afa, l'ozono si impenna: limite superato 32 volte in un giorno

Inquinamento sopra i livelli di guardia in diverse zone del capoluogo ligure e in provincia, dal Passo dei Giovi a Quarto passando per l'Acquasola e Pegli

Il caldo e le temperature (finalmente) estive degli ultimi giorni continuano a far schizzare i livelli di inquinamento nel capoluogo ligure e in provincia: anche venerdì le centralino della Città Metropolitana hanno registrato percentuali di ozono oltre il limite di legge in diverse zone e per diverse volte, dal Passo dei Giovi all’Acquasola passando per Quarto e Pegli.

In particolare, le stazioni di monitoraggio hanno rilevato il superamento dei 240 microgrammi di ozono per metro cubo in 4 fasce orarie (dalle 16 alle 19 e poi fra le 21 e le 22, sempre con valori di poco superiori alla soglia di 180 microgrammi per metro cubo) ai Giovi, e in totale 32 volte in quattro diverse centraline: 12 volte consecutive, fra le 12 e le 24, nella stessa postazione dei Giovi (compresi i 4 citati superamenti della soglia di allarme); 5 volte all’Acquasola, nel centro di Genova (fra le 11 e le 15 e fra le 17 e le 18, valore massimo 193 µg/m3 fra le 13 e le 14); 11 volte consecutive in corso Europa, a Genova Quarto (dalle 11 alle 22, tetto massimo 225 µg/m3 fra le 19 e le 20) e infine 4 volte sulle alture di Genova Pegli (dalle 14 alle 15 e dalle 17 alle 20, con punta più elevata di 213 µg/m3 fra le 18 e le 19). 

Le raccomandazioni in questi casi sono sempre le stesse: cercare di limitare le lunghe esposizioni all’aria aperta, soprattutto per le fasce di popolazione più sensibile, e cioè bambini, anziani e persone con problemi respiratori.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caldo e afa, l'ozono si impenna: limite superato 32 volte in un giorno

GenovaToday è in caricamento