rotate-mobile
Lunedì, 28 Novembre 2022
Cronaca

Infortuni sul lavoro in Liguria, l'allarme della Cisl: "Numeri da emergenza"

Il sindacato spiega che fra gennaio e agosto 2022 si è registrato un fortissimo aumento, secondo i dati dell’Inail sono 20.102 con una crescita significativa di quasi 8.000 casi rispetto allo stesso periodo del 2021

"Emergenza infortuni sul lavoro", il grido d'allarme arriva dalla Cisl che presenta e commenta alcuni dati riguardanti la Liguria. Il sindacato spiega che fra gennaio e agosto 2022 si è registrato un fortissimo aumento delle denunce di infortunio in Liguria. Secondo i dati dell’Inail, sono stati esattamente 20.102 con una crescita significativa di quasi 8.000 casi: nello stesso periodo del 2021 erano stati 12.022.

In particolare, l’incremento si è concretizzato nel comparto 'industria e servizi' dove siamo passati da 10.635 a 17.984 denunce. Il dato locale evidenzia come l’aumento più sensibile ci sia stato nella provincia di Genova (da 6.392 a 11.444 denunce), ma in crescita sono anche a La Spezia (da 1.578 a 2.703), Imperia (da 1.621 a 2.703) e Savona (da 2.431 a 3.582). Nel solo meso di agosto 2022 in Liguria gli infortuni sono stati 1.640: nello stesso mese del 2021 erano stati 1.269.  Preoccupante anche il dato relativo alle denunce di infortunio delle donne: da gennaio ad agosto 2022 sono state 10.196 con una crescita evidente rispetto allo stesso periodo dello scorso anno quando erano state 4.614. In diminuzione, fortunatamente, gli incidenti mortali che sono passati da 16 a 8.

"La qualità del lavoro dipendente si misura anche attraverso il livello di sicurezza: in questo senso, i numeri diffusi dall’Inail sono a dir poco allarmanti - commenta Luca Maestripieri, segretario Cisl Liguria - ottomila denunce in più nei primi otto mesi dell’anno sono una cifra che non ammette né alibi né giustificazioni. Se da un lato è evidente la correlazione tra un precariato sempre più spinto e l’aumento degli infortuni, dall’altro si ha la sensazione che i tagli dei costi in molti casi abbiano ridotto l’attenzione alla sicurezza".

Secondo Maestripieri "il deterioramento della qualità del lavoro è, ormai, un fatto incontestabile, che trova evidenza sia nella percentuale di contratti a tempo determinato (spesso di pochi giorni) sia nel preoccupante peggioramento della prevenzione e vigilanza sulla sicurezza. La Cisl da mesi denuncia una situazione che rischia, lo ripetiamo, di diventare presto ingestibile. Ci auguriamo che questo sia un tema prioritario nell’agenda del nuovo governo e che le istituzioni prendano repentinamente atto dell’urgenza di frenare questo fenomeno".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Infortuni sul lavoro in Liguria, l'allarme della Cisl: "Numeri da emergenza"

GenovaToday è in caricamento