Cadde da corriera, muore dopo un anno e mezzo di coma

Tre persone sono finite sul registro degli indagati. Marisa Loschi finì fuori dalla corriera perché una porta si aprì all'improvviso

A quasi un anno e otto mesi dal giorno dell'incidente è morta Marisa Loschi, la donna di 58 anni caduta il 26 giugno 2017 da una corriera in viaggio in via Crispi a Sori. La donna era entrata in coma da quel giorno ed è morta il 15 febbraio 2019 all'ospedale San Martino.

Il sostituto procuratore Federico Manotti, che ha coordinato le indagini, ha iscritto tre persone nel registro degli indagati con l'ipotesi di reato di omicidio stradale colposo. Si tratta di Roberto Rolandelli, responsabile di esercizio Atp e responsabile sicurezza, Roberto Travi, responsabile della manutenzione Atp dell'officina di Rapallo e Stefano Cuciti, autista del mezzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La donna era finita contro la porta posteriore del mezzo, che si era aperta all'improvviso. Avendo il cane in braccio, non ha potuto farsi scudo con le mani ed ha battuto violentemente la testa a terra.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Genova usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Restate a casa»: nel giorno più nero per i decessi, il San Martino pubblica il 'meme' con le bare e scoppia la polemica

  • Coronavirus, ecco come fare domanda per i buoni spesa

  • Coronavirus, 2 milioni di mascherine. Toti: «Saranno distribuite gratis tramite edicole, farmacie e volontari»

  • Passeggiate con i bimbi, è polemica. Il post del medico fa il giro del web: «Ecco perché è meglio di no»

  • Coronavirus, lo studio: «Ecco quando dovrebbe azzerarsi il contagio»

  • Coronavirus, oltre 2.900 positivi in Liguria. In provincia di Genova sono più di mille

Torna su
GenovaToday è in caricamento