rotate-mobile
Incidenti stradali

Mortale a Rivarolo: identificato il conducente della seconda auto "pirata"

Gli agenti della Polizia Locale proseguono le indagini per stabilire eventuali contatti tra i guidatori delle due automobili

Gli agenti del nucleo di infortunistica stradale della Polizia Locale, al termine di indagini, sono riusciti a risalire all’identità del conducente della seconda auto pirata che, la sera del 17 febbraio, si trovava in via Rivarolo sul luogo dell'incidente che è poi costato la vita al giovane Michele Dervishaj

Dopo aver rintracciato la persona al volante dell’auto pirata coinvolta nell’incidente (una Renault Clio guidata da un giovane di origini marocchine residente a Isola del Cantone), gli agenti sono riusciti a individuare l’uomo al volante della Citroen Berlingo che sì, procedeva regolarmente sulla sua corsia di marcia quando è stato sorpassato dagli altri due veicoli, ma ha continuato il tragitto senza fermarsi a soccorrere il ragazzo dopo la tragica caduta dallo scooter e l’urto violento contro un muro che, due giorni dopo, ne ha provocato il decesso.

Il conducente della Citroen, che con il guidatore della Renault Clio condivide le origini marocchine, ha dichiarato agli agenti di non essersi accorto dell’accaduto. Le immagini, tuttavia, dimostrano il contrario: in un primo momento si nota la Citroen rallentare la marcia, per poi riprenderla omettendo di prestare assistenza e soccorso allo sfortunato ragazzo. 

"Gli accertamenti sono pertanto ancora in corso - spiega la polizia locale - anche per stabilire eventuali contatti tra i conducenti delle due automobili, vista la medesima nazionalità".

Qui le altre notizie del giorno

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mortale a Rivarolo: identificato il conducente della seconda auto "pirata"

GenovaToday è in caricamento