Auto pirata travolge gruppo di giovani a Quezzi, 4 feriti gravi tra cui una ragazza incinta

Dopo lo schianto la macchina ha preso fuoco ma il conducente è ugualmente scappato alla guida della sua Bmw

Immagine di repertorio

Gravissimo incidente sabato sera nel quartiere di Quezzi. Intorno alle 23 un'auto di grossa cilindrata ha travolto un gruppo di giovani radunati in piazzetta Pedegoli. Dopo lo schianto il conducente si è dato alla fuga senza prestare soccorso.

Il bilancio, in aggiornamento, è di quattro feriti gravi: una ragazza incinta in codice rosso al San Martino, un'altra sempre in codice rosso a Villa Scassi; due ragazzi in codice giallo al San Martino. La donna incinta è uscita alle 6 dalla sala operatoria, non avrebbe perso il bambino.

Erano le 23 quando il quartiere è stato svegliato da un fortissimo boato: un'auto, che proveniva da via Daneo ad altissima velocità secondo i testimoni, in corrispondenza della curva ha proseguito dritta sfondando i pali di ferro a protezione di piazzetta Pedegoli. 

Nello schianto l'auto ha travolto un motorino che è stato proiettato sulle panchine dove erano seduti  i ragazzi, tra cui dei minorenni. Subito dopo l'auto ha preso fuoco ma il conducente si è dato comunque alla fuga a bordo della sua Bmw. 

Alcuni residenti, dalle finestre, hanno visto la scena e hanno informato la polizia, altri sono scesi in strada, ancora prima dell'arrivo dei soccorsi, per dare aiuto alle due ragazze rimaste incastrate tra i resti del motorino e la panchina.

Sul posto sono intervenute diverse ambulanze, i vigili del fuoco e la polizia locale.

La zona è stata transennata; sgomento nel quartiere e tra i giovani che hanno assistito alla folle corsa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ruba smartphone a mamma con neonato sul bus, poi la prende a pugni

  • Coronavirus, da domenica la Liguria torna in zona gialla

  • Liguria verso zona gialla, ma gli spostamenti fuori regione restano in forse

  • Perdono entrambi i genitori nel giro di un anno: mobilitazione per aiutare due fratelli di Quezzi

  • Antiche tradizioni: cos'è il "ragno genovese"?

  • «L'ho trovato, vedrai che non succederà più»: arrestato l'aggressore di Giuseppe Carbone

Torna su
GenovaToday è in caricamento