Sabato, 31 Luglio 2021
Incidenti stradali

Incidente in autostrada, muore lo "Squalo", capo della tifoseria genoana

Pietro Bottino, 47 anni, era in moto e stava scappando dalla polizia

Lo chiamavano "lo Squalo", ed era uno degli storici capi della tifoseria del Genoa, conosciuto da tutti nell'ambiente calcistico: Pietro Bottino, 47 anni, ha perso la vita nel tardo pomeriggio di domenica 23 aprile, in seguito a un incidente stradale verificatosi tra la A26 e la A10, in direzione Genova, che ha visto coinvolte la sua moto e un'auto.

Il tratto tra la A26 e la A10 è stato a lungo chiuso, con pesanti conseguenze sul traffico.

L'uomo era in fuga ed era ricercato dalla polizia: era infatti scappato domenica mattina dal Rems di Pra', residenza per l'esecuzione delle misure di sicurezza sanitarie. Un personaggio controverso, già più volte protagonista di fatti di cronaca: era stato condannato a 14 anni di reclusione (più 3 in una casa di cura e custodia) dopo che, nel 2006, aveva gambizzato altri due tifosi genoani e poche ore dopo aveva sparato a un'auto sull'A10. 

Nel 2015, a un mese dalla concessione della libertà vigilata, Bottino era tornato in carcere per aver violato le regole dell'affidamento in prova ai servizi sociali.

Nel febbraio 2017, era stato uno dei primi a varcare la soglia della Rems di Pra', che ospita pazienti con problemi psichiatrici.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidente in autostrada, muore lo "Squalo", capo della tifoseria genoana

GenovaToday è in caricamento