Schianto in via Siffredi, il giallo sulla morte di Burim

Burim Zogaj, 27 anni, stava andando al lavoro mercoledì mattina a bordo del suo scooter quando è stato urtato da una macchina. Non è chiaro, però, se un'altra vettura ancora non rintracciata lo abbia poi investito

Proseguono le indagini sull'incidente mortale in cui ha perso la vita Burim Zogaj, il 27enne che mercoledì mattina stava viaggiando con il suo scooter in via Siffredi per andare al lavoro. I vigili della sezione Infortunistica, coordinati dal commissario capo Federica De Lorenzi, vogliono capire cosa sia esattamente accaduto, e l’esatta sequenza di uno schianto che sembra avere coinvolto due auto.

Stando ai rilievi effettuati per tutta la mattinata di mercoledì (l’incidente è avvenuto intorno alle 7, e via Siffredi è rimasta chiusa per oltre due ore), Burim viaggiava verso ponente quando, all'altezza di via Erzelli, è stato urtato da una macchina, una Audi bianca che procedeva nella stessa direzione.

È caduto, rovinando sull’asfalto, ed è qui che i racconti si fanno confusi: alcuni testimoni riferiscono di avere visto un’altra auto che stava arrivando dalla direzione opposta, diretta verso levante, investirlo (tra loro c’è anche il conducente della Audi bianca), altri riferiscono di non avere visto altre vetture. Di certo c’è che, nel caso in cui venisse confermata la presenza dell’altra auto, non ce n’era comunque traccia al momento dell’arrivo dei soccorsi e della Locale, e in questo caso si tratterebbe di fatto di un’auto pirata, fuggita senza prestare soccorso. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il mistero potrebbe essere chiarito dalle immagini delle telecamere di sorveglianza, già acquisiti dalla sezione Giudiziaria, coordinata dal pubblico ministero Marcello Maresca. Sono immortalati circa 4 km di strada prima del luogo dell’incidente, sia verso levante sia verso ponente, percorso che verrà analizzato minuziosamente per ricostruire passo dopo passo come si sia arrivati allo schianto e l’incidente stesso. Gli investigatori stanno nuovamente sentendo anche i testimoni, e comparando le telefonate al 112 per chiedere aiuto per capire che cosa hanno raccontato le persone che hanno assistito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, possibile "mini lockdown" in tutta Genova: «I contagi crescono ovunque»

  • Bassetti: «In ospedale al primo sintomo influenzale per la paura che è stata trasmessa»

  • Auto pirata travolge gruppo di giovani a Quezzi, 4 feriti gravi tra cui una ragazza incinta

  • Incidente a Quezzi, arrestato il pirata della strada

  • Covid, il coprifuoco per frenare il contagio: cosa succede nelle zone rosse. Ospedali in affanno

  • Covid, tutta Genova diventa zona "ad alta attenzione": firmata la nuova ordinanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento