menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto da Facebook

Foto da Facebook

Dolore per la scomparsa di Iolanda Salerno, investita davanti al Gaslini

Sampierdarena in lutto per la morte della donna investita ieri mattina, tanti i messaggi di cordoglio sui social

«Non dovevi andartene, soprattutto non così» è il grido di dolore dei parenti di Iolanda Salerno, la vittima dell'incidente avvenuto ieri davanti al Gaslini. La donna, attraversando la strada di corsa per prendere l'autobus, è stata investita da un bus della linea "15" e poi travolta da un'auto. Erano le 7 del mattino, era buio e pioveva.

Iolanda Salerno abitava a Sampierdarena, in via G.B. Monti e aveva 66 anni. Era originaria di Siderno, in Calabria, ma viveva in Liguria da molti anni. La donna si era sposata e aveva una grande famiglia: un marito, tre figlie e poi erano arrivati gli amatissimi nipoti.

«Sei una delle migliori persone che abbia mai conosciuto nella mia vita, sei stata una mamma, un'amica, una zia. Tante cose e ora non ci sei più. Chi mi starà accanto quando verrò lì? » è il commento lasciato da uno dei parenti su Facebook . E le testimonianze di cordoglio arrivano anche dagli amici tutti, che sui social hanno messo il simbolo del lutto come immagine di profilo. Tra questi i colleghi dell'associazione Cilla, dove Iolanda lavorava come inserviente. È morta lì, proprio vicino a una delle case dove ogni giorno accoglieva i bambini in attesa di ricovero o visita al Gaslini.

Autobus e auto coinvolti nell'incidente sono stati posti sotto sequestro; i due conducenti sono indagati per omicidio colposo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, da lunedì tutta la Liguria in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento