Incidenti stradali Quarto / Corso Europa

Corso Europa, identificate le due vittime

Bruno Lauria aveva finito di lavorare da poco nel locale dove fa il cameriere. Guido Grassi si è offerto di accompagnare a casa lui e il suo amico, ma il loro viaggio si è concluso prima in modo tragico

Da sinistra Guido Grassi e Bruno Lauria

Sono state identificate le due vittime dell'incidente avvenuto in corso Europa nella notte fra sabato 11 e domenica 12 gennaio 2020. Si tratta di Guido Grassi, genovese, e di Bruno Lauria di San Cataldo (Caltanisetta), stessa località di cui è originario anche l'altro giovane che era a bordo, rimasto ferito e già dimesso dall'ospedale.

Corso Europa è sovente teatro di gravi incidenti, ma questo purtroppo rientra nella categoria dei più drammatici. Altre volte auto sono finite capovolte dopo aver scontrato la pensilina, ma questa volta il veicolo, un'Alfa Romeo Giulia, si è incendiata, non lasciando scampo a chi si trovava sui sedili anteriori.

Bruno aveva finito di lavorare da poco nel locale dove fa il cameriere. Grassi si è offerto di accompagnare a casa i due giovani, ma la loro corsa è terminata tragicamente prima di arrivare a destinazione. Le indagini per ricostruire l'esatta dinamica dell'accaduto sono affidate alla sezione Infortunistica della polizia locale.

Pare che fra le cause dell'incidente ci sia la velocità oltre i limiti di legge, che, nei pressi dei restringimenti, scende a 30 km/h. L'assessore comunale competente ha assicurato maggiori controlli in corso Europa, ma forse sarebbe il caso di rivedere la forma degli spartitraffico, simili a rampe per gli stuntman. Sovente nei precedenti episodi sono finiti capovolti automobilisti completamente sobri e che non stavano 'correndo'.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corso Europa, identificate le due vittime

GenovaToday è in caricamento