rotate-mobile
Incidenti stradali Albaro / Via Nizza

Schianto in Albaro: Mario Angelucci travolto e ucciso da un 54enne ubriaco

L'uomo, Arlindo Dulanto, aveva un tasso alcolemico di 2,58. Dovrà rispondere di omicidio stradale: la dinamica dell'incidente ricostruita dalla Locale

È stato arrestato con l’accusa di omicidio stradale Arlindo Dulanto, il 54enne di origini ecuadoriane che sabato sera ha travolto e ucciso Mario Angelucci, 49 anni, mentre guidava il suo suv ubriaco per le vie di Albaro.

Ad arrestarlo sono stati gli agenti della sezione Infortunistica della Locale, che lo hanno anche sottoposto all’alcol test avendo conferma di quanto già si sospettava anche soltanto osservando la traiettoria dell’auto: arrivata a velocità sostenuta da via Cocito, la vettura ha “bruciato” lo stop e scontrato alcune auto, poi ha colpito in pieno Angelucci, fermo sul suo scooter all’incrocio con via Nizza, e poi ha terminato la sua folle corsa all’interno di un negozio di fotografia, sfondando la saracinesca.

L’intera scena non è stata soltanto vista dai testimoni presenti in quel momento (erano le 21), ma è stata anche ripresa dalle telecamere di sorveglianza della zona, i cui filmati sono già stati requisiti dalla Locale. In auto con Dulanto c’era anche una donna, anche lei ubriaca, denunciata per ubriachezza. Il 54enne, una volta realizzato quando accaduto, ha avuto un malore: portato al San Martino per un controllo, è stato poi arrestato e trasferito a Marassi.

La vittima, Mario Angelucci, viveva in via Biga, a San Fruttuoso. Moltissimi i messaggi di cordoglio degli amici, scioccati nell’apprendere della sua morte e delle circostanza in cui è avvenuta: «Ciao Mario. Ancora non riesco a realizzare - scrive un’amica — Non riesco a credere che non ti vedrò più.. un amico, una persona splendida. Ti voglio bene e guardami ora da lassù».

Lo scorso marzo un altro scooterista era morto travolto da un'auto "impazzita": Carlo Peluga, 60 anni, era stato colpito in pieno all'incrocio tra via Bobbio e via Montaldo da una macchina guidata dal 22enne Jehison Benavides Guanoluiza, che agli agenti della Locale ammetterà, qualche giorno dopo, di essere passato con il rosso, così come testimoniato anche dalle telecamere di sorveglianza. Tre mesi dopo, il 12 giugno, Giampiero Fidani moriva nei pressi di Staglieno, travolto da un'Opel Corsa su cui viaggivano due donne. Con lui a bordo dello scooter la moglie Chiara, ferita in modo gravissimo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Schianto in Albaro: Mario Angelucci travolto e ucciso da un 54enne ubriaco

GenovaToday è in caricamento