menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Appalti truccati in porto, le intercettazioni confermano i sospetti

Un dvd con delle registrazioni ambientali è arrivato al pm Emilio Gatti, che indaga su alcuni lavori in porto, assegnati direttamente senza gara pubblica, favorendo aziende 'amiche'

La svolta nell'inchiesta, attesa da oltre due anni, sarebbe finalmente arrivata. La settimana scorsa un anonimo ha spedito una lettera al pubblico ministero Emilio Gatti, che indaga su alcuni lavori sospetti in porto. La busta, oltre a poche righe di spiegazione, contiene un dvd con delle intercettazioni ambientali.

Le registrazioni sono state effettuate il 7 marzo 2011 e confermerebbero quelli che finora erano solo sospetti. In pratica diversi lavori effettuati all'interno del porto negli ultimi anni non sono stati dati in appalto, ma affidati direttamente con commesse assegnate senza gara pubblica perché frazionate sotto l'importo di 40 mila euro, favorendo così aziende privilegiate.

In una registrazione riportata da Il Secolo XIX si ascolta la frase: «Se mi mettono alle strette, io devo dirlo che anche i vertici sapevano e che non hanno fatto un c...». Nell'inchiesta i reati ipotizzati erano truffa ai danni dello Stato e abuso d'ufficio e l'Autorità portuale guidata da Luigi Merlo si era costituita parte offesa.

Sotto inchiesta il capo del settore appalti, un geometra dell'Autorità portuale, e quattro imprenditori.

Tra le frasi registrate viene detto che «... il presidente fa il verginello». Merlo, sentito dal Secolo XIX dice: «Mi limito a dire che questa inchiesta è nata due anni fa, che l'Autorità portuale si è costituita parte lesa, che già prima di questa indagine avevamo cominciato a modificare le procedure per per le assegnazioni dei lavori, come il magistrato ha avuto modo di verificare».

Merlo definisce l'iniziativa di chi ha consegnato le registrazioni, fatte di nascosto alla direzione tecnica dell'Autorità portuale, «un attacco a orologeria, si vuole  riaprire una stagione di veleni che in questo ente ha già fatto per vicende passate molti danni».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento