menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Incendio a San Martino: muore paziente avvolto dalle fiamme

Marco Tessier, 63, ricoverato al reparto di oncologia dell'ospedale di San Martino, è morto stamane a seguito di un drammatico incendio. L'uomo aveva già tentato il suicidio, non è da escludere che sia stato lui ad appiccare il fuoco

Il weekend genovese inizia con una tragedia. Marco Tessier, 63 anni, è morto nel reparto di oncologia dell'ospedale San Martino, il Dimi, in seguito ad un incendio sviluppatosi nella notte.

Secondo quanto appreso, Tessier soffriva di un tumore all'esofago allo stadio terminale e, secondo fonti interne all'ospedale, avrebbe avuto un'aspettativa di vita molto ridotta. Non è escluso quindi che l'incendio che l'ha ucciso possa esser stato deliberatamente provocato. L'uomo, residente a Moneglia, infatti aveva già tentato il suicidio il giorno precedente buttandosi dalla finestra della sua stanza, salvo poi essere fermato da un'infermiera. Tra le cause che hanno innescato l'incendio nel padiglione Dimi non è da escludere una sigaretta accesa vicino alle bombole di ossigeno.

Ferita la moglie, che lo stava assistendo quando improvvisamente ha visto sprigionarsi le fiamme. La donna, Carla Belloni, 52 anni, è riuscita a chiamare i soccorsi ed evitare una strage (25 i pazienti sfollati dal reparto che è stato subito dichiarato inagibile dai vigili del fuoco).

La donna è rimasta ustionata ed è stata trasferita al centro Grandi ustionati dell'ospedale Villa Scassi. Alcuni pazienti dello stesso reparto sono rimasti lievemente intossicati dal fumo provocato dall'incendio del materasso.

Il gesto "coraggioso e professionale" dell'infermiera che ha chiuso la porta della stanza dove si è sviluppato l'incendio nel padiglione Dimi dell'ospedale San Martino di Genova "ha evitato che il bilancio di questo gravissimo incidente fosse peggiore". Lo ha detto la direzione sanitaria del nosocomio genovese.

«Ho visto le fiamme avvolgere mio marito ho provato subito a tirare via le coperte ma non sono riuscita a spegnere l'incendio. Così ho provato a sollevarlo e portarlo fuori dalla stanza ma non ci sono riuscita» queste le parole della moglie di Marco Tessier. E' successo tutto all'improvviso. Ho sentito un calore fortissimo e Marco era avvolto dalle fiamme. Ho provato a salvarlo, ma non ci sono riuscita».

Carla ha chiesto aiuto alle infermiere ma anche loro non sono riuscite a trascinare Tessier fuori dalla stanza. Il calore era tanto intenso che la poltrona sulla quale si trovava seduta la donna si è fusa e le è rimasta attaccata al corpo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Crollo cimitero Camogli, il cronoprogramma dei lavori

  • Coronavirus

    Covid, in Liguria 248 nuovi positivi, 11 nuovi ospedalizzati

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento