Cronaca Cornigliano / Via Erzelli

Incendio in un deposito in via Erzelli, un morto

L'incendio è scoppiato nella notte in un container che si trovava in un'area di proprietà di una società di Autostrade. All'interno una persona, con tutta probabilità un senzatetto, morta carbonizzata

Una persona è morta in un incendio divampato nella notte in un container posizionato in una zona di deposito attrezzi di una società che effettua lavori per conto di Autostrade, in via Erzelli, sotto la nuova rampa che porta al casello autostradale di Genova Aeroporto.

A dare l’allarme sono stati alcuni passanti che hanno notato la densa colonna di fumo nero e e avvisato i Vigili del fuoco, che al loro arrivo hanno spento le fiamme e trovato tra le lamiere il corpo semi-carbonizzato di un uomo di circa 60 anni. Per identificarlo con certezza sarà necessario attendere il dna, ma dagli accertamenti si tratterebbe di un 59enne genovese senza lavoro da una decina d'anni, che nel container aveva allestito il suo rifugio di fortuna e che nella notte avrebbe acceso una stufetta elettrica per ripararsi dal freddo, si sarebbe addormentato e non si sarebbe accorto del guasto che ha scatenato l'incendio: a ucciderlo potrebbe essere stato il fumo.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri

del Nucleo Operativo e della stazione di Cornigliano insieme con la Scientifica, cui sono affidate le indagini: a loro il compito di identificare il morto e di capire cosa esattamente sia successo. Parecchi timori tra i residenti per la vicinanza della struttura a un colorificio in cui sono presenti molti prodotti e composti chimici, ma i vigili del fuoco sono riusciti a circoscrivere l'incendio alla sola area sotto la rampa autostradale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio in un deposito in via Erzelli, un morto

GenovaToday è in caricamento