menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Incendio sul Fasce, inizia la bonifica. Aperta un'inchiesta per scoprire le cause

Dopo una notte di lavoro, l'emergenza è rientrata e il fronte sembra finalmente sotto controllo. Decine i volontari impiegati per la messa in sicurezza, non si esclude che si tratti di un rogo colposo

Ci è voluta tutta la notte, ma alla fine il vasto incendio divampato alle pendici del monte Fasce, sul versante meridionale di monte Moro, sembra finalmente sotto controllo: dopo la paura del pomeriggio, quando tre persone sono state costrette a lasciare le loro case per precauzione perché le fiamme si facevano sempre più vicine, e il lavoro incessante di diverse squadre dei vigili del fuoco, della Forestale e di 45 volontari anti incendio boschivo, il fronte è stato contenuto a da questa mattina si procede con le operazioni di bonifica.

L’allarme è scattato ieri pomeriggio intorno alle 14, quando un denso fumo ha incominciato a sollevarsi e l’odore di bruciato a diffondersi entrando nelle case dei residenti di Apparizione e Quarto Alta: immediato l’intervento dei soccorsi, coadiuvati dalla polizia Municipale, mentre si alzavano in volo due canadair e due elicotteri che hanno fatto la spola tra mare e incendio sino a sera tentando di neutralizzare gli effetti deleteri del forte vento che nella giornata di ieri ha spazzato la città, alimentando le fiamme. 

Il bilancio finale è di circa 5 ettari di vegetazione andata in fiamme, una roulotte bruciata e moltissimo spavento. Ma anche rabbia, perché nelle ultime settimane sono stati tanti, troppi gli incendi divampati sul Fasce, e lo spettro del piromane è sempre più concreto. Anche se questa volta la Forestale e i Vigili del Fuoco non escludono che possa essersi trattato di un rogo colposo, forse qualcuno che ha dato fuoco ad alcune sterpaglie ed è stato colto alla sprovvista dal vento e dalla velocità con cui le fiamme si sono propagate. Un fascicolo è già stato aperto, e indagini sono in corso per trovare un eventuale innesco che possa invece confermare il dolo.

Nel frattempo sul Fasce si continua con la bonifica: la Forestale è rimasta in presidio tutta la notte, e in mattinata sono incominciate le operazioni di bonifica, con 20 volontari che nelle prossime ore verranno raggiunti da altri 15 colleghi: il timore, visto il rinforzo del vento previsto per il pomeriggio, è che i pochi focolai ancora attivi possano riguadagnare vigore e riprendere a bruciare. Ed è per questo che anche elicotteri e canadair sono tornati ad alzarsi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Si presenta di notte all'hub per il vaccino, ma trova chiuso

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento