menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Photo Credits Andrea Ferrando

Photo Credits Andrea Ferrando

Incendio a Cogoleto, fronte fiamma sparito, situazione sotto controllo

Terzo giorno dall'inizio dell'incendio: si cerca di tornare alla normalità

Un'altra notte di lavoro per i soccorritori presenti a Cogoleto, in seguito agli "strascichi" del terribile incendio che ha interessato le alture del paese nella notte tra lunedì e martedì.

Aggiornamenti incendio Cogoleto

Dopo tre giorni di lotta contro il fuoco, ancora questa mattina i mezzi aerei (elicottero e canadair) erano in volo per spegnere definitivamente quel che rimane del rogo. Le scuole sono state riaperte.

Regione Liguria fa sapere che sono andati in fumo oltre 80 ettari di superficie di bosco, pascolo e macchia mediterranea, ma oggi la situazione è in miglioramento: verso mezzogiorno il fronte di fiamma è sparito, permangono solo alcuni focolai e fumaioli. Sul luogo, sono presenti l'elicottero regionale che sta sorvolando la zona, e, a terra, gli addetti dei Vigili del Fuoco e i volontari che stanno provvedendo alla bonifica, separando l'area bruciata dalla parte non contaminata dal fuoco.

È previsto l'arrivo di ulteriori risorse nel pomeriggio per continuare l'opera di messa in sicurezza che andrà avanti tutto il giorno. Si valuterà la necessità di un presidio notturno.

La popolazione è rientrata nelle case (a parte due famiglie) e le condzioni del vento, al momento, non destano particolari preoccupazioni.

Sul posto, Vigili del Fuoco, volontari Antincendio Boschivo, Protezione Civile, forze dell'ordine, pubbliche assistenze e associazioni del territorio. Il Coc di Cogoleto rimarrà aperto 24 ore su 24 fino al termine dell'emergenza.

Cos'è successo ieri

Ieri erano presenti sul territorio ancora alcuni focolai, uno dei quali si è riattivato nel pomeriggio in maniera consistente, su una montagna tra la ex Stoppani e Lerca, mettendo nuovamente a rischio le abitazioni a Capieso, subito dietro il fuoco. Due case sono state fatte evacuare, anche se la situazione era più gestibile e comunque senz'altro non paragonabile a quella della notte tra il 25 e il 26 marzo. Sono intervenuti elicotteri e canadair.

Le cause

I carabinieri Forestali hanno sequestrato il cavo di un traliccio che si è spezzato in zona e che, molto probabilmente, ha innescato il rogo. È stato sequestrato anche il terreno circostante perché è stato trovato anche un albero caduto - presumibilmente a causa del vento - e che potrebbe aver tranciato il cavo. Per fare però chiarezza servirà una perizia, richiesta proprio nelle scorse ore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Coronavirus

Coronavirus: altri 15 decessi, il più giovane aveva 61 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento