menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Incendi boschivi: il vademecum della Protezione Civile

Centinaia di manifesti sono stati affissi dal Comune in giro per la città con un vademecum su come ci si comporta nei boschi e alle prese con un incendio boschivo. Dal 16 luglio scorso vige lo stato di grave pericolosità su tutto il territorio della Regione Liguria. Divieto assoluto dell'uso del fuoco

A preoccupare di più la Protezione Civile del Comune di Genova in questa estate incandescente sono gli incendi di interfaccia: le fiamme che divampano improvvise e corrono lungo i terreni che si insinuano tra le case, con grave rischio per la popolazione.

Per continuare le attività di prevenzione torna la campagna informativa per la lotta agli incendi boschivi.

In particolare, con la dichiarazione dello “Stato di grave pericolosità” su tutto il territorio della Regione Liguria, del 16 luglio scorso, si ricorda il divieto dell’uso del fuoco per eliminare residui vegetali agricoli e forestali nei periodi di massimo rischio.

Con particolare riguardo per le aree di interfaccia (aree verdi attigue alle abitazioni), scoraggiando comportamenti imprudenti che ogni anno causano incendi nelle zone collinari.

Contro i roghi di questo tipo sono state messe a punto due strategie: prevenzione e contrasto.

In base al Regolamento di Polizia Urbana, i proprietari di aree verdi intorno alle abitazioni sono obbligati a mantenere i terreni puliti e in perfetto ordine, sgombri da cespugli, rovi, ramaglie, erbe, immondizie e rifiuti in genere, anche con tagli periodici della vegetazione. Oltre allo sfalcio delle sterpaglie i proprietari di queste superfici urbane, spesso abbandonate, sono obbligati a allontanare le cataste di legna e i rifiuti ingombranti.

Ecco le norme comportamentali che la Protezione civile del Comune di Genova rivolge a chi transita o abita sulle alture della città.

Per non provocare un incendio boschivo:
evitare di gettare mozziconi accesi nell’erba e tra le foglie secche del sottobosco
spezzare sempre i fiammiferi prima di gettarli a terra
non accendere fuochi nel bosco, o farlo solo nelle apposite aree pic-nic, eliminando le foglie secche presenti e ricordandoti di spegnere completamente il fuoco con acqua o terra, senza lasciare braci o tizzoni accesi
non accendere mai un fuoco quando c’è vento
evitare di parcheggiare l’auto fuori dalla strada, perché la marmitta calda può appiccare il fuoco all’erba secca
 

Se all’aperto:
non sostare nei luoghi sovrastanti l'incendio o in zone verso le quali soffia il vento
non attraversare la strada invasa dal fumo o dalle fiamme
non fermarsi lungo le strade: l'incendio non è uno spettacolo
permettere intervento dei mezzi di soccorso, liberando le strade e non ingombrandole con le proprie autovetture
indicare alla squadre antincendio le strade o i sentieri noti
se si avvista un incendio chiamare il 1515 Corpo Forestale dello Stato o il 115 Vigili del Fuoco.
 

Se circondati dal fuoco:
cercare una via di fuga sicura: una strada o un corso d'acqua 
stendersi a terra dove non c'è vegetazione incendiabile, cospargersi di acqua o coprirsi di terra, preparsi all'arrivo del fumo respirando con un panno bagnato sulla bocca
in spiaggia, raggrupparsi sull'arenile e immergersi in acqua, non tentare di recuperare quanto lasciato sulla spiaggia 
non abbandonare una casa se non certi che la via di fuga sia aperta, segnalare la vostra presenza, sigillare (con carta adesiva e panni bagnati) porte e finestre; il fuoco oltrepasserà la casa prima che all’interno penetrino fumo e fiamme.

Il Comune di Genova, come ogni anno, ha attivato il proprio gruppo comunale volontari di Protezione Civile e Antincendio Boschivo denominato Gruppo Genova, per le attività di prevenzione, con il monitoraggio del territorio a rischio di incendio boschivo e delle aree di interfaccia, nonché per le attività di lotta attiva contro eventuali incendi.

Per agevolare le operazioni di spegnimento è importante che tutte le segnalazioni di avvistamento incendio, o anche solo di fumo, siano comunicate a questi numeri:
numero verde regionale SALVABOSCHI 800 807047
numero per l’emergenza ambientale Corpo Forestale dello Stato 1515.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Si presenta di notte all'hub per il vaccino, ma trova chiuso

Costume e società

Da dove deriva il nome del quartiere Marassi?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento