rotate-mobile
Cronaca

Impianti fotovoltaici domestici e comunità energetiche, la Regione punta a incentivarli

Approvati in consiglio regionale due ordini del giorno, in cui si parla anche di snellire le pratiche urbanistiche e limitare l'intervento della Soprintendenza

Il consiglio regionale, durante la seduta pomeridiana di martedì 26 aprile 2022, ha approvato con 17 voti a favore (maggioranza) l'ordine del giorno 570, presentato da Alessandro Bozzano (Cambiamo con Toti presidente) e sottoscritto da tutto il gruppo, che impegna la giunta a incentivare l'installazione di impianti fotovoltaici nei tetti o nelle pareti degli immobili, a introdurre il principio della 'bolletta zero', in relazione all'energia prodotta e a quella consumata dall'utente.

Il documento chiede, inoltre, di incentivare le Comunità Energetiche attraverso l'abbattimento dei costi di costituzione o contributi regionali, snellendo le pratiche urbanistiche e limitando l'intervento della Soprintendenza unicamente agli edifici di interesse storico ed architettonico.

A questo proposito è stato approvato, con 17 voti a favore (maggioranza), l'ordine del giorno 593, presentato da Alessandro Bozzano (Cambiamo con Toti presidente) e sottoscritto da tutto il gruppo, che chiede alla giunta di intervenire perché la Regione preveda finanziamenti in fase di costituzione delle Comunità Energetiche (sarebbero sufficienti interventi variabili dai 5 ai 15mila euro), a prevedere l'accesso delle Comunità Energetiche a ogni altro finanziamento mirato alle energie rinnovabili,sia termiche che elettriche.

Nel documento si ricorda l'aumento dei costi dell'energia elettrica e che le Comunità Energetiche sono nate proprio per ottimizzare la distribuzione di energia pulita autoprodotta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Impianti fotovoltaici domestici e comunità energetiche, la Regione punta a incentivarli

GenovaToday è in caricamento