Cronaca Centro Storico / Via dei Macelli di Soziglia

Immobili confiscati alla mafia, al via gli sgomberi in centro storico

Polizia, carabinieri e Municipale al lavoro dalle prime ore della mattina per liberare 4 appartamenti che fanno parte dei 95 sequestrati alla criminalità organizzata nel 2014

Sono iniziati alle prime ore della mattinata gli sgomberi degli immobili occupati del centro storico (e non solo) che nel 2014 erano stati sequestrati alla famiglia Canfarotta - Lo Re durante una maxi operazione contro la criminalità organizzata.

Alle operazioni di sgombero, andate in scena in 4 appartamenti ai civici 4/1 e 4/1 A di via Stefano Canzio a Sampierdarena, 4/2 di via Macelli di Soziglia nel cuore del centro storico e 8 e 10 di salita Padre Umile a Coronata, hanno partecipato gli agenti della questura, i carabinieri e la Municipale. L’ordinanza di sgombero era stata disposta dal Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica che si era tenuto in Prefettura.

Agli appartamenti, 95 solo nel capoluogo ligure, gran parte dei quali concentrati nella zona della Maddalena, erano stati messi i sigilli nel 2014, e nell’aprile del 2016 erano stati al centro di una manifestazione organizzata dall’associazione “Cantiere per la legalità responsabile”, i cui membri durante la notte avevano attaccato alle serrande di fondi, magazzini e appartamenti confiscati cartelli che inneggiavano alla restituzione ai cittadini dei beni sequestrati alla mafia.

La questione era approdata anche in consiglio Comunale, e Tursi aveva annunciato l’intenzione di acquisire a lotti gli immobili per ristrutturarlo e riutilizzarli come laboratori, sedi di esercizi commerciali e uffici e altri servizi per i residenti. Lo sgombero è ancora in corso in queste ore, e sta procedendo senza problemi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Immobili confiscati alla mafia, al via gli sgomberi in centro storico

GenovaToday è in caricamento