menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ilva: dal Nautico alla Prefettura per difendere il posto di lavoro

I lavoratori dello stabilimento Ilva di Cornigliano hanno manifestato a Genova bloccando la città. Dopo aver invaso la sopraelevata, i manifestanti si sono diretti al Salone Nautico dove sono stati accolti in sala stampa. In corteo anche Burlando e Doria

Genova - Con la rabbia sulle labbra, la paura nel cuore e scortati dai tir i lavoratori dello stabilimento Ilva di Cornigliano hanno manifestato a Genova, bloccando la città. In corteo, ieri, mercoledì 10 ottobre 2012, si sono mossi dallo stabilimento, almeno in 500, e i camion delle ditte dell'indotto hanno invaso le due carreggiate della sopraelevata cittadina mandando in tilt il traffico.

«Se chiude Taranto noi moriamo». Eccola la paura, gridata durante il corteo e dovuta al blocco degli altoforni che porterebbe anche allo stop delle lavorazioni negli stabilimenti di Cornigliano (1700 occupati di cui 1100 contratti di solidarietà), Novi Ligure e Racconigi.



Fim e Uilm sono a braccetto, a sancire la spaccatura con la Fiom che non ha partecipato. «Questa è la protesta dei boy scout», dicono i tesserati di Cisl e Uil per ironizzare con la Cgil che aveva detto «Noi non siamo i boy scout, noi siamo l'armata rossa».

Passo dopo passo con fischietti e fumogeni, dietro a striscioni per difendere il posto di lavoro, per difendere la salute dei cittadini di Taranto e per far sapere che il risanamento ambientale deve andare di pari passo con la produttività, arrivano fino alla fiera di Genova, dove è in corso il Salone Nautico.

Incontrano l'assessore regionale al Lavoro Enrico Vesco, bloccano i tornelli degli ingressi per pochi minuti, lasciandone liberi solo alcuni, poi hanno ospitalità dalla fiera e nella sala stampa del Salone, davanti anche a decine di giornalisti del settore nautico, spiegano le ragioni della loro protesta.

Mai la fiera aveva dato spazio a una manifestazione non del settore: ma è un modo per solidarizzare. La nautica è in crisi, l'acciaio pure. «Il Governo è latitante su questi temi», gridano i sindacalisti. «Monti e Passera ci devono dire se l'Italia deve essere una potenza industriale o meno. Il risanamento ambientale senza continuità produttiva renderebbe ingovernabile la situazione dal punto di vista sociale».

Dal Salone Nautico alla Prefettura, sempre in corteo, con il traffico strozzato nelle vie del centro e il suono dei clacson che si mescola a quello dei fischi. Ora al fianco dei lavoratori ci sono anche il sindaco Marco Doria e il presidente della Regione Claudio Burlando ( guarda il video ).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Sono qui per ribadire che non bisogna contrapporre lavoro e salute, e per far vedere che le istituzioni, tutte, sono vicine ai lavoratori», dice il primo cittadino. E Burlando aggiunge: «È importante coniugare salute e ambiente, ma non si può pensare di perdere una filiera che vale almeno 20 mila posti di lavoro». Genova si ferma. Per non morire di disoccupazione (Ansa).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

social

Arisa si sposa con Andrea Di Carlo: tutti i dettagli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento