menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ilva: anche Cornigliano rischia la chiusura, assemblea in fabbrica

Le Rsu di Fim Cisl e Uilm Uil dell'Ilva di Genova hanno convocato assemblee dei dipendenti nell'ultima ora del turno di lavoro, per concordare nuove iniziative alla luce dell'ultimatum della procura all'azienda sugli stabilimenti di Taranto

Genova - Le Rsu di Fim Cisl e Uilm Uil dell'Ilva di Genova hanno convocato assemblee dei dipendenti nell'ultima ora del turno di lavoro, per concordare nuove iniziative alla luce dell'ultimatum della procura all'azienda sugli stabilimenti di Taranto.

In una nota precisano che il mantenimento degli altoforni numero 2 e 4 non potrebbe garantire l'alimentazione dei siti di Cornigliano, Novi ligure, Taranto e Racconigi. «La conseguenza potrebbe dunque essere la chiusura degli stabilimenti».

Ieri, domenica 7 ottobre 2012, anche il sindaco è intervenuto sulla vertenza. «È un fatto assolutamente grave, non si può risanare lo stabilimento di Taranto interrompendo la produzione»: così Marco Doria sulla decisione della procura di Taranto che impone entro l'11 ottobre l'avvio delle fasi di spegnimento degli impianti sequestrati.


«Taranto è fondamentale per la vita di altri stabilimenti in Italia. La produzione deve continuare e contemporaneamente si devono fare gli interventi di risanamento ambientale. Altrimenti é una crisi nera» (Ansa).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Arisa si sposa con Andrea Di Carlo: tutti i dettagli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento