Cronaca Cornigliano / Via Luigi Perini

Ikea ancora in sciopero, presidio e volantinaggio davanti all'ingresso

I dipendenti dello store protestano contro la decisione da parte dell'azienda di ridurre gli stipendi, in particolare per quanto riguarda le domeniche e le festività

Continua la protesta dei lavoratori di Ikea, che questa mattina hanno incrociato le braccia presidiando gli ingressi della sede di Campi e distribuendo volantini per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla delicata situazione che riguarda il contratto integrativo.

I lavoratori hanno preso posizione davanti all’ingresso del megastore prima dell’alba e non si sono mossi sino alle 12 nonostante il caldo e il sole cocente: la protesta riguarda in particolare la decisione da parte dell’azienda di «compiere un atto grave, dando disdetta di tutti gli accordi, nazionali e locali. In gioco c’è la pretesa dell’azienda di abbassare i livelli retributivi dei dipendenti”, in particolare per quanto riguarda la retribuzione domenicale e festiva, come fanno sapere i sindacati in una nota.

Si tratta dell’ennesimo sciopero nel giro di poco più di un mese, che fa eco alle proteste andate in scena a livello nazionale, in primis quella dello scorso 11 luglio: a poco è servito l’incontro del 22 luglio, che si è concluso con un nulla di fatto. I riflettori adesso sono puntati sul nuovo confronto, che coinvolgerà i vertici dell’azienda e i sindacati alla ricerca di una mediazione. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ikea ancora in sciopero, presidio e volantinaggio davanti all'ingresso

GenovaToday è in caricamento