menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aggrediscono tassista e gli rubano il taxi, in manette coppia criminale

E' finita con un doppio arresto la notte da incubo di un uomo di 58 anni, minacciato con un coltello e rapinato della sua auto da un uomo e una donna che si sono finti clienti

E’ finita con un doppio arresto la notte da incubo di un tassista 58enne che domenica è stato aggredito e rapinato del suo taxi da una coppia armata di coltello e spray urticante: dopo avere bloccato l’uomo, un 32enne di origini marocchine, subito dopo l’aggressione, poche ore dopo la polizia ha individuato anche la complice, una donna di 24 anni di origini ecuadoriane, che dopo essersi data alla fuga si era rifugiata a casa del compagno.

Tutto è successo in via Bartolomeo Bianco, a Granarolo, intorno alle 4 di domenica mattina: la coppia ha fermato il taxi fingendosi cliente, e una volta sull’auto l’uomo ha estratto un coltello puntandolo alla gola del tassista mentre la donna gli ha spruzzato lo spray urticante sul viso, costringendolo poi a scendere dal taxi e lasciandolo dolorante e sotto shock sull’asfalto mentre si davano alla fuga. 

Immediato l’intervento degli agenti delle volanti della Questura e del commissariato di Cornigliano, che grazie alle indicazioni della centrale radiotaxi e a un’applicazione installata sulla smartphone della vittima hanno prima individuato il taxi, lasciato in via Saporiti, e poi intercettato il rapinatore in via Spinola mentre tentava di far perdere le sue tracce a piedi.

Gli agenti si sono dunque lanciati all’inseguimento bloccando il fuggitivo in un giardini privato di via Sant’Ugo, da dove sono riusciti a recuperarlo tra calci, pugni e spintoni prima di accompagnarlo in questura. La donna è stata invece rintracciata qualche ora dopo in via Stefanina Moro, nell’appartamento che condivide con il compagno: anche per le sono scattate le manette, e il trasferimento nel carcere di Pontedecimo. Il tassista è invece stato accompagnato all’ospedale, dove è stato medicato e dimesso con una prognosi di 10 giorni, e ha potuto tornare in possesso della sua auto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, da lunedì tutta la Liguria in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento