rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca Centro / Piazza Portoria

Dopo il ponte Monumentale, "blitz" in tribunale: continua la battaglia dell'ambulante

Ennesima protesta di Giuseppe Mamone, l'uomo che nelle scorse settimane ha minacciato il suicidio se non fosse riuscito a riavere il suo furgone

Continua la battaglia di Giuseppe Mamone, il venditore ambulante che nelle scorse settimane è salito più volte sul ponte Monumentale minacciando di gettarsi nel vuoto per protestare contro il sequestro del suo furgone e la conseguente impossibilità di lavorare.

Questa volta la protesta si è spostata nel Palazzo di Giustizia di piazza Portoria, dove Mamone, dopo essersi visto rigettare la richiesta di dissequestro del furgone, si è barricato in una stanza e si è rifiutato di uscire chiedendo di poter rientrare in possesso del mezzo.

Al momento, il Comune gli ha concesso soltanto la rateizzazione delle salatissime multe che è stato condannato a pagare per irregolarità amministrative rilevate durante alcuni controlli da parte della Municipale, ma il furgone rimane sotto sequestro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo il ponte Monumentale, "blitz" in tribunale: continua la battaglia dell'ambulante

GenovaToday è in caricamento