menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dopo il ponte Monumentale, "blitz" in tribunale: continua la battaglia dell'ambulante

Ennesima protesta di Giuseppe Mamone, l'uomo che nelle scorse settimane ha minacciato il suicidio se non fosse riuscito a riavere il suo furgone

Continua la battaglia di Giuseppe Mamone, il venditore ambulante che nelle scorse settimane è salito più volte sul ponte Monumentale minacciando di gettarsi nel vuoto per protestare contro il sequestro del suo furgone e la conseguente impossibilità di lavorare.

Questa volta la protesta si è spostata nel Palazzo di Giustizia di piazza Portoria, dove Mamone, dopo essersi visto rigettare la richiesta di dissequestro del furgone, si è barricato in una stanza e si è rifiutato di uscire chiedendo di poter rientrare in possesso del mezzo.

Al momento, il Comune gli ha concesso soltanto la rateizzazione delle salatissime multe che è stato condannato a pagare per irregolarità amministrative rilevate durante alcuni controlli da parte della Municipale, ma il furgone rimane sotto sequestro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

A Genova c'è lo scalone a cui si ispirò Hitchcock per "Vertigo"

Coronavirus

Ristorante aperto: «Siamo una mensa», ma scattano le multe

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento