menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giulia beve una bottiglietta d'acqua e va al pronto soccorso

Giulia, 15 anni, ha bevuto ieri prima dell'allenamento di calcio una bottiglietta d'acqua acquistata da un distributore automatico di Brignole. Si è accasciata al suolo ed è stata trasportata all'ospedale in codice rosso

Una giovane calciatrice, Giulia, di quindici anni ieri sera è stata trasportata d'urgenza all'ospedale San Martino dopo aver bevuto un sorso d'acqua da una bottiglietta acquistata a un distributore automatico della stazione di genova Brignole.

Giulia dopo aver bevuto un sorso dalla bottiglietta incriminata, si è accasciata sul terreno sintetico del campo a sette del Sorriso Francescano di via Trento.

All'interno della bottiglietta, secondo le prime informazioni, al posto dell'acqua c'era una sostanza nociva, forse dell'ammoniaca. Ma si è trattato di un errore dell'azienda che ha imbottigliato, oppure è stato manomesso il distributore automatico?

LA TESTIMONIANZA DELL'ALLENATORE:

Mauro Lo Bartolo è l'allenatore della squadra di calcio femminile dove milita Giulia. Prima che iniziasse l'allenamento la ragazza ha chiesto: "Mister, posso andare a bere?"

"Le ho detto di si, ho visto che ha aperto la bottiglietta, poi si è portata la mano al petto con una smorfia di sofferenza sul volto e si è lasciata cadere a terra. Ovviamente ci siamo subito allarmati"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Vaccini covid, Astrazeneca per le persone tra 60 e 79 anni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Begato, è iniziata la demolizione della diga

  • Coronavirus

    Chiavari, aperto il nuovo hub da 1.600 vaccini al giorno

  • Coronavirus

    Coronavirus, 202 nuovi casi e altri sette decessi

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento