rotate-mobile
Cronaca Lungotorrente Secca

«No ai licenziamenti», lavoratori della Giugiaro in sciopero

L'azienda ha spiegato di aver subito grossi danni a causa del crollo di ponte Morandi e per questo ha deciso di chiudere il sito di Genova e trasferirsi. Trentadue lavoratori hanno ricevuto le lettere di licenziamento

È iniziato oggi lo sciopero dei dipendenti della Giugiaro contro i 32 licenziamenti, annunciati dall'azienda. I lavoratori hanno dato vita a un presidio di protesta in zona Campi in attesa dell'arrivo del premier Conte, a cui intendono fare presente la loro situazione.

«Per questi lavoratori è una presa in giro continua - dice Alessandro Tanda, Fim-Cisl -. Con lo spostamento a Verona avevano dato garanzie, avevano detto di stare tranquilli, e invece ecco com'è finita. Vogliamo tentare un contatto con il premier, anche perché la vicenda Giugiaro ha una stretta attinenza con il crollo del ponte».

La Giugiaro infatti ha motivato la decisione a causa dei danni provocati dal crollo del ponte Morandi per quanto riguarda gli approvvigionamenti e sulle difficoltà incontrate dopo il 14 agosto con le attività portuali. L'azienda ha quindi deciso di trasferire l'attività presso un altro sito produttivo del Nord Italia, lasciando 32 famiglie senza reddito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«No ai licenziamenti», lavoratori della Giugiaro in sciopero

GenovaToday è in caricamento