Giornata vittime mafie: la Regione Liguria al fianco di 'Libera'

La giunta vara un'aiuto concreto per organizzare l'evento in collaborazione con l'associazione fondata da don Ciotti. Previsti anche treni speciali. Appuntamento il 17 marzo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di GenovaToday

Continua l’impegno della Regione Liguria contro la mafia. Dopo l’accordo sulla costituzione delle stazioni uniche degli appalti e delle centrali di committenza per favorire la trasparenza e la qualità degli appalti, la Giunta regionale scende in campo a fianco dell’associazione Libera, fondata da don Ciotti, per celebrare a Genova la giornata della memoria di tutte le vittime delle mafie il prossimo 17 marzo. Dopo le esperienze di Torino e di Milano quest’anno la celebrazione si svolgerà nel capoluogo ligure per far crescere le radici, anche in un’altra grande città del nord, contro la conquista delle mafie.

Non solo il sud, ma anche il nord e il nord ovest sono diventati il centro degli affari criminali e anche la Liguria negli ultimi anni ha fatto registrare una crescita preoccupante dei fenomeni riconducibili alle organizzazioni mafiose. Complice la crisi economica e la presenza di porti.

“Sostenendo l’iniziativa di Libera – spiega l’assessore al bilancio, Pippo Rossetti – la Regione vuole coinvolgere in particolare i giovani e il mondo della scuola, luogo per eccellenza della memoria e dell’educazione alla cittadinanza e alla legalità, per diffondere il senso e l’importanza di un impegno di solidarietà che dalla scuola si deve estendere all’intera comunità. Per questo firmeremo un protocollo d’intesa tra Libera, l’assessorato all’istruzione della Regione Liguria, l’Università e l’ufficio scolastico regionale per coinvolgere il mondo della scuola e dell’Università e sensibilizzarli ai temi della legalità”.

L’iniziativa, sostenuta dalla Giunta regionale con 40.000 euro avrà un respiro nazionale e vedrà la partecipazione di amministratori pubblici, associazioni e scuole di tutta Italia. Inoltre per consentire il massimo afflusso degli studenti liguri, l’assessore ai trasporti della Regione Liguria metterà a disposizione due treni straordinari gratuiti da Ventimiglia e da Sarzana. Nella due giorni contro la mafia sono previsti seminari con la partecipazione di testimoni privilegiati della lotta alle mafie e interventi dei familiari delle vittime, spettacoli teatrali, una veglia nella chiesa di San Lorenzo e la realizzazione di un muro con sopra tutti i nomi delle vittime inviate da tutte le scuole d’Italia.

Torna su
GenovaToday è in caricamento