menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Genoa-Verona: tifoso cade dal bus, condizioni gravi

Un tifoso del Verona è caduto dall'autobus mentre si stava dirigendo allo stadio Ferraris per assistere alla partita. L'uomo è ricoverato in rianimazione all'ospedale Galliera

Un tifoso del Verona è ricoverato in gravi condizioni in ospedale a Genova per le ferite riportate in un incidente avvenuto mentre si recava allo stadio per assistere alla partita Genoa-Verona, vinta poi dal Genoa per 2-0.

Secondo una prima ricostruzione, il tifoso, che avrebbe tra i 40 e i 50 anni, (il nome non è ancora stato comunicato) è caduto sull'asfalto da un bus dell'Amt che si stava recando allo stadio Ferraris dalla zona della Foce per portare i veronesi alla partita.

Il mezzo pubblico era scortato dalle forze dell'ordine. L'incidente è avvenuto all'altezza di piazza delle Americhe, nella zona della stazione Brignole. La dinamica è ancora in via di accertamento. Non è ancora chiaro se le porte del bus fossero aperte o se si siano spalancate all'improvviso. Il tifoso si trova ora ricoverato all'ospedale Galliera nel reparto di rianimazione.

L'aggiornamento dall'ospedale delle ore 19.00 non è dei migliori: il tifoso veronese, G.L., 43 anni, originario di Bussolengo nel veronese, è tenuto in coma farmacologico nel reparto di rianimazione dell'Ospedale Galliera.

Secondo una successiva ricostruzione della polizia, l'uomo dovrebbe essere caduto mentre l'autobus procedeva dalla zona della Foce, dove i tifosi sono stati radunati per evitare contatti con i rivali del Genoa, fino al Ferraris. L'ipotesi più accreditata è che i tifosi siano riusciti ad aprire le porte dell'autobus per un breve momento e, all'altezza di una curva, l'uomo abbia perduto l'equilibrio finendo sull'asfalto e picchiando la testa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo, parla l'esperto: «Ecco come mai stavolta il fenomeno è così intenso»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento