Ministro Lorenzin in visita al Gaslini: «Punto di riferimento della pediatria mondiale»

In occasione della giornata mondiale del diabete, il ministro alla salute Beatrice Lorenzin ha visitato l'Istituto pediatrico diretto da Pietro Pongiglione e ascoltato le richieste dei ricercatori precari

Aveva promesso di tornare e così è stato. Dopo la visita del settembre 2013, il ministro alla Salute Beatrice Lorenzin ha incontrato nuovamente i piccoli pazienti del Gaslini e i medici dell'Istituto. L'occasione è stata la Giornata mondiale del diabete. La Lorenzin, accompagnata dal presidente Pietro Pongiglione, è stata ricevuta nella UOC Clinica Pediatrica, dal direttore generale Paolo Petralia, dal direttore sanitario Silvio Del Buono, da Paolo Faravelli direttore amministrativo e da Mohamad Maghnie direttore della Clinica Pediatrica. 

«Il Gaslini è un punto di riferimento della pediatria in Italia e a livello internazionale anche grazie alla medicina transfrontaliera. È un ospedale che ha una grandissima storia ma è anche un ospedale che fa ricerca sulle malattia rare e che interviene su una fascia di età molto delicata», ha dichiarato il ministro Beatrice Lorenzin. «Ci tenevo particolarmente a tornare essendo oggi la giornata mondiale contro il diabete e far visita alla Clinica Pediatrica. Il diabete per l’Italia è una malattia da gestire ma anche da sconfiggere, l’abbiamo inserito nei nuovi livelli essenziali di assistenza e stiamo lavorando all’interno del nomenclatore per i device di nuova generazione per dare sostegno alle famiglie». 

Prima della visita al reparto di diabetologia, Beatrice Lorenzin, ha ascoltato le richieste dei ricercatori dell’Istituto in protesta per la loro situazione di precariato: «Nella legge di bilancio - ha spiegato il ministro -  io ho fortemente voluto che una parte di aumento del fondo fosse vincolato per un fondo strutturale per le stabilizzazioni e lo sblocco del turn over dove prevediamo più di 7000 persone che potrebbero anche aumentare in base alle stabilizzazioni di precari sia infermieri che medici. Questi elementi sono aggiuntivi a quelli già effettuati lo scorso anno dove abbiamo ricevuto i fabbisogni delle regioni e abbiamo dato il via libera ad assunzioni e concorsi».  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, possibile "mini lockdown" in tutta Genova: «I contagi crescono ovunque»

  • Bassetti: «In ospedale al primo sintomo influenzale per la paura che è stata trasmessa»

  • Covid, tutta Genova diventa zona "ad alta attenzione": firmata la nuova ordinanza

  • Auto pirata travolge gruppo di giovani a Quezzi, 4 feriti gravi tra cui una ragazza incinta

  • Incidente a Quezzi, arrestato il pirata della strada

  • Covid, coprifuoco a Genova dalle 21 alle 6: ecco cosa si può (e non si può) fare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento