menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

L'amore di un nonno, donati 800mila euro al Gaslini

Tutto ha inizio cinque anni fa quando il nipotino di soli due anni di Alfredo Aureli arrivò all'ospedale pediatrico con una diagnosi di tumore cerebrale maligno

Più che cercare visibilità e riconoscimenti per il suo gesto, Alfredo Aureli spera che altri lo possano imitare. Il 72enne imprenditore di Verucchio, provincia di Rimini, ha donato 800mila euro all'ospedale Gaslini.

Tutto ha inizio cinque anni fa quando il nipotino di soli due anni di Aureli arrivò all'ospedale pediatrico con una diagnosi di tumore cerebrale maligno, effettuata dall'ospedale di Bologna. I medici del Gaslini non si sono persi d'animo e hanno deciso di sottoporre il piccolo a una chemioterapia molto intensiva, che fortunatamente ha dato gli effetti sperati.

Oggi il bimbo ha sette anni e vive una vita serena alla pari dei suoi coetanei. Inizialmente il nonno decise di donare 500mila euro al Gaslini, nominando contemporaneamente un comitato di controllo, composto dai suoi familiari, per verificare l'impiego del denaro. Una seconda donazione di 300mila euro invece è stata fatta senza alcun controllo.

VIDEO | ALFREDO AURELI SPIEGA LE RAGIONI DEL SUO GESTO

«Grazie di cuore alla famiglia Aureli - dichiarano dal Gaslini -, che si è unita, con un atto di donazione, spontaneo generosissimo - 800mila euro! - agli sforzi dell'Istituto per evitare la fuga di giovani talenti e offrendo loro la possibilità di avere dei contratti a tempo determinato, in attesa di stabilizzazione; si è trattato di giovani specialisti di elevatissimo livello (neuroradiologo, neuroncologo, chirurgo oncologo, trapianto logo e di uno psicologo); senza di essi la cura dei bambini con tumore cerebrale non sarebbe stata possibile nei periodi di maggiore crisi dovuta alla spending review ed ai conseguenti continui tagli alla sanità pubblica. In particolare attraverso il primo progetto è stato possibile mantenere per 3 anni un'eccellenza in campo neuro radiologico e di chirurgia oncologica e dotare di una psicologa esperta l'UO di Neuroncologia. Nel nuovo ambizioso progetto in partenza in questi giorni verrà finanziato una ricerca di valenza nazionale e internazionale sullo studio e la cura dei Medulloblastoma nel bambino molto piccolo, una patologia per la quale la moderna ricerca genetica consente di pensare a importanti sviluppi con nuove terapie farmacologiche su base biologica».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento