menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Genova senza riscaldamento: tecnici al lavoro, gli ultimi aggiornamenti

Tecnici al lavoro per riparare il guasto della tubatura principale del metanodotto che serve la città di Genova e altri 16 comuni. La Protezione Civile rinnova l'appello a un utilizzo minimo necessario del gas metano

Aggiornamento definitivo ore 1.30: guasto risolto, l'assessore Gianni Crivello toglie l'ordinanza. Finita l'emergenza

Aggiornamento ore 00.30: sembrava fatta, ma la radiografia ha dato esito negativo. Colpa delle condizioni estreme in cui i saldatori si trovano ad operare. Tutto da rifare, quindi. Si lavorerà nella notte per permettere l'erogazione entro domenica mattina

Aggiornamento ore 23.00: via con la radiografia. Si attende l'esito. Qualora fosse positivo si riaprirebbe il flusso di metano, ma il pieno utilizzo nelle case sarebbe graduale.

Aggiornamento ore 21.30: conclusa la saldatura.

Aggiornamento ore 20.00: tecnici ancora al lavoro. Si spera di sistemare il guasto nelle prossime ore dopo aver individuato la falla nel tubo. Tubo che secondo quanto appreso sarebbe già stato sostituito 16 anni fa, nel 1998. E sul cedimento di quella porzione di dotto cominciano ad arrivare alcune informazioni. Non sarebbe stata una frana e nemmeno il cedimento del terreno sottostante a provocare la falla che invece si sarebbe creata autonomamente. Permane il divieto ad usare l'acqua calda e il riscaldamento.

Aggiornamento ore 17.40: sono cominciate le operazioni di saldatura del tubo della condotta del gas danneggiato due giorni fa. Lo riferisce un portavoce di Snam spiegando che in giornata si sono registrate difficoltà nel posizionamento del nuovo pezzo e che l'accoppiamento dei tubi è stato reso difficile dalle condizioni meteo. Una volta effettuata la saldatura verrà effettuata la radiografia e si avvierà  la fase di collaudo. Auspicabilmente, ha detto il portavoce, il tutto si dovrebbe concludere in giornata.

Aggiornamento ore 14.00: i vigili del fuoco hanno sequestrato la porzione di tubo del gasdotto che si è rotto giovedì sera. Secondo una prima ricostruzione il tubo si sarebbe rotto autonomamente e non a seguito di una frana o di uno smottamento interno del terreno. Il pm Landolfi che coordina l'inchiesta per disastro colposo ha sentito questa mattina un dirigente della Reti gas e ha disposto il sequestro della documentazione presso la sede della Snam. Intanto la Federcalcio genovese annuncia che domenica le gare in programma si disputeranno regolarmente.

Aggiornamento ore 12 sabato 22 marzo: Individuata la falla, tecnici della Snam al lavoro per sostituire il pezzo della conduttura. Guasto in via di risoluzione nella giornata odierna. Permane l'ordinanza di divieto di accendere i termosifoni in vigore dal momento in cui si è rotta la conduttura del metano. Genova e' al freddo da tre giorni: le temperature sono calate e Arpal prevede piogge e vento nelle prossime ore.

Aggiornamento ore 20: il guasto dovrebbe rientrare nella giornata di sabato. Intanto la Federcalcio genovese sospende tutti i campionati sabatali, dalla Prima Categoria fino alle leve giovanili (qui nel dettaglio)

Aggiornamento ore 17: tecnici ancora al lavoro in via Pellissa a Serrà Riccò sulla strada per Orero. Non si trovava il punto esatto in cui la conduttura si è rotta. Il danno dovrebbe essere riparato definitivamente nella giornata di sabato.

Ore 15: aperta inchiesta per disastro colposo. Tecnici ancora al lavoro.

Ore 12: ci vorranno "molte ore" per riparare il guasto. Lo ha comunicato l'assessore ai lavori pubblici del Comune di Genova Gianni Crivello spiegando che il Comune «sta preparando una apposita ordinanza» per trasformare in divieto l'appello a non utilizzare gli impianti per il riscaldamento. «Purtroppo i tempi per riparare il guasto saranno più lunghi del previsto», ha concluso l'assessore.

La Protezione Civile informa che, a seguito della rottura della tubatura principale del metanodotto che serve la città di Genova e altri 16 comuni, avvenuta nella serata di ieri, dalle ore 8 di stamane, venerdì 21 marzo, Snam Rete Gas ha dato inizio alle attività di riparazione della rete di trasporto nazionale, chiudendo 4 su 7 stazioni di alimentazione alla rete di distribuzione gestita da Genova Reti Gas, che rimarrà conseguentemente gestita in condizioni di esercizio conservativo.

Genova Reti Gas informa che ha lavorato per l’intera nottata per disattivare le principali utenze significative interrompibili. La Protezione Civile ritiene comunque fondamentale rinnovare l'appello ad un utilizzo minimo necessario del gas metano.

Non è ancora possibile fornire indicazioni circa i tempi necessari per la riparazione del guasto. Quando saranno concluse le attività di ripristino Genova Reti GAS provvederà alla riattivazione delle utenze nel più breve tempo possibile.

La Protezione Civile ringrazia la popolazione per la collaborazione.

Diciassette i comuni interessati sono: Genova, Mele, San Olcese, Ceranesi, Serra Riccò, Bogliasco, Pieve, Bargagli, Torriglia, Tribogna, Moconesi, Avegno, Cicagna, Favale di Malvaro, Uscio, Lorsica e Neirone.

Per tutta la durata dell’emergenza sarà attivo il numero verde della Protezione Civile del Comune di Genova 800 177797.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, focolaio all'ospedale Galliera

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento