menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Perde la tessera sanitaria durante il furto, a casa gli trovano una fortuna

Intervenuti presso un cantiere edile di Sant'Olcese a seguito di un sopralluogo di furto di attrezzature, i carabinieri sono riusciti a identificare e denunciare due persone per i reati di furto aggravato e ricettazione in concorso

Genova - I carabinieri del nucleo radiomobile di Genova hanno messo a segno un'importante operazione. Intervenuti presso un cantiere edile di Sant'Olcese a seguito di un sopralluogo di furto di attrezzature, i militari sono riusciti a identificare e denunciare all'autorità giudiziaria due persone per i reati di furto aggravato e ricettazione in concorso.

L. D. e M. M., queste le iniziali dei due fermati, rispettivamente di 36 e 38 anni, sono residenti a Bolzaneto in via Pastorino. I due soggetti sono stati individuati grazie a una tessera sanitaria persa da uno di loro e rinvenuta dagli operanti in un angolo, dopo un'accurata ricognizione del luogo visitato dai ladri. Da qui sono partite le attività investigative e quindi le perquisizioni.

Nell'abitazione dei due uomini, così come nel garage in loro uso, i militari non hanno solamente rinvenuto il bottino della nottata, già restituito al derubato, ma anche un'impressionante quantità di altre attrezzature edili, agricole e d'officina di ritenuta provenienza furtiva, per un valore stimabile in circa quarantamila euro.

Trapani portatili, levigatrici, seghe circolari, saldatrici, generatori di corrente, innumerevoli arnesi da lavoro stampanti, computer, un navigatore satellitare, un' autoradio, e finanche una motocicletta da cross marca Ktm priva di targa e numero di telaio, sono state sequestrate e trasportate con un furgone ricolmo sino alla caserma di Sturla, nella sede del Nucleo Radiomobile, dove il materiale è a disposizione di coloro che, denuncia alla mano, hanno subito furti di questo tipo e dove proseguono autonome indagini per rintracciarne i proprietari.

Tra la refurtiva, già restituita non solo al cantiere di San Quirico, ma anche a un altro cantiere nell'ambito provinciale e alla Scuola Professionale Edile di Bolzaneto, vi erano svariate paia di scarpe antinfortunistiche nuove, materiale didattico e di cancelleria, sottratti in due diversi raid.

I due responsabili, come sopra già accennato, in relazione alla trascorsa flagranza di reato, sono stati deferiti in stato di libertà per i reati di furto aggravato e ricettazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento