rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Cronaca Centro / Via di Porta Soprana

Furti di borse appese allo schienale della sedia, ennesimo caso

Per fortuna il ladro è subito stato notato e fermato dai carabinieri

Non si fermano i furti di borse e borselli appesi alle spalliere delle sedie dei locali: l'ultimo caso nel weekend, con un uomo di origini algerine denunciato dai carabinieri di Carignano.

Il ladro è stato colto sul fatto mentre cercava di rubare un borsello appeso allo schienale della sedia in un locale in salita di Porta Soprana, in centro. L'uomo, volto noto ai militari, è stato subito tenuto d'occhio e, come previsto, alla vista del borsello non ha resistito alla tentazione e si è avvicinato cercando di rubarlo ma, visto che i carabinieri sono immediatamente intervenuti, non è riuscito nel suo intento. 

Non è la prima volta che si parla di furti di borse e borselli appesi alle spalliere delle sedie: si contano almeno due episodi della giornata di giovedì 6 giugno in via Balbi e in largo San Giuseppe, e altri due sabato 1 giugno. Prima, all'ora di pranzo, il cliente di un ristorante di via San Vincenzo si è visto portare via una borsa appoggiata su una sedia all'esterno. Situazione identica poco dopo, quando un turista svizzero ha appoggiato il borsello per pranzare nel dehor di un locale in via di Porta Soprana e un ladro è scappato via dopo averglielo sottratto.

Complice il bel tempo, sono molti i turisti e i cittadini che scelgono di consumare cibi o bevande seduti ai tavolini esterni dei locali e, approfittando del momento di relax, i ladri entrano in azione. Il modus operandi è sempre lo stesso: i malviventi prendono di mira persone sedute al tavolo di un locale, con borse o borselli appesi per comodità alla spalliera della sedia, e si avvicinano per rubare.

E alle vittime, quando si alzano dopo aver consumato, non resta che l'amara sorpresa di accorgersi di essere state derubate.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furti di borse appese allo schienale della sedia, ennesimo caso

GenovaToday è in caricamento