menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Annotavano il 'pin' e poi rubavano il bancomat, arrestati

Una 38enne e un 39enne sono finiti in carcere a Marassi in quanto ritenuti autori di diversi furti, commessi in almeno sette città nei pressi di alcuni sportelli bancomat

La polizia ha arrestato una coppia di professionisti della truffa, che macinava migliaia di chilometri a bordo di auto noleggiate di grossa cilindrata, in trasferta da Sanremo a Roma, Firenze, Parma, Verona, Asti, Torino e Genova per raggirare gli anziani e svuotare loro il conto corrente, passando da un albergo all'altro per non farsi rintracciare, vestendo abiti distinti e utilizzando modi garbati e raffinati.

Giovedì 20 dicembre 2018 i due sono stati sottoposti a fermo di polizia su provvedimento del pm Saracino; si tratta di una coppia di origini francesi dimorante a Sanremo, lei 38enne, lui 39enne, ritenuti responsabili di furto aggravato e continuato. Almeno quattro i colpi attribuiti a Genova, ma le indagini ancora in corso ne stanno accertando molti di più in tutto il Nord Italia.

Gli investigatori del commissariato San Fruttuoso sono riusciti a identificarli grazie a un'articolata attività d'indagine e all'analisi di centinaia di immagini estrapolate dalle telecamere installate presso gli sportelli bancomat, attraverso cui è stato possibile osservare il modus operandi della coppia: facendo finta di attendere il proprio turno o di aver appena finito un prelievo, stazionavano nei pressi degli sportelli bancomat in attesa della vittima, solitamente anziana.

La coppia in azione. Video

Una volta giunta la preda si posizionavano abbastanza vicini da sbirciare e annotarsi il codice pin digitato dalla stessa, la distraevano con un diversivo e, contemporaneamente, le rubavano la carta restituita dalla macchinetta prima della consegna delle banconote, facendole credere che la mancata restituzione del bancomat fosse dovuta a un guasto tecnico.

Agivano prevalentemente la sera e nei fine settimana così da impedire alle vittime di rivolgersi immediatamente presso le agenzie per recuperare la propria carta, mentre loro avevano tutto il tempo di prelevare il massimo del limite previsto, per un totale complessivo di circa 12mila euro.

Nell'abitazione in cui si rifugiavano sporadicamente a Sanremo sono stati rinvenuti numerosi capi di abbigliamento e oggetti acquistati utilizzando i bancomat rubati agli anziani. Attualmente la coppia si trova nel carcere di Marassi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caos autostrade: code anche in serata

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Costume e società

    TikTok sbarca in Liguria con la campagna #tiraccontolitalia

  • Costume e società

    Genova, quando i bambini andavano al mare con le "braghe redoggiae"

Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento