menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ladri di professione arrestati in autostrada, conigli fra la refurtiva

I carabinieri hanno arrestato tre ladri, specializzati nei furti in appartamento. Due sono stati bloccati in autostrada nei pressi del casello di Genova Ovest, un terzo è finito in manette quando si è presentato in caserma per l'obbligo di firma

Negli ultimi mesi a Genova e nelle località limitrofe si è registrata una significativa recrudescenza di furti in abitazione, che ha imposto necessariamente da parte del Comando Provinciale dei Carabinieri un'intensificazione dei servizi preventivi e iniziative di carattere investigativo, che hanno prodotto nell'immediato una lieve attenuazione dei reati, consentendo di acquisire notizie su alcune autovetture presumibilmente in uso ai malviventi.

 

Mercoledì sera, durante un servizio predisposto per il contrasto dei furti in abitazione veniva segnalato uno di questi mezzi in uscita dal casello di Genova Aeroporto con direzione Savona. La vettura, successivamente, si è fermata in una piazzola di sosta ubicata all'altezza della località Sant'Ermete – Valle di Vado, nel comune di Vado Ligure; pedinata dai Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Genova, durante il percorso di rientro, si è appreso nel contempo che in corrispondenza della zona dove l'autovettura aveva sostato vi erano state diverse segnalazioni di furto in abitazione e tentativi di furto.

I militari hanno deciso pertanto di procedere al controllo della vettura che, giunta nelle adiacenze del casello di Genova Ovest, lungo l'autostrada, si è accostata per far scendere due degli occupanti, che avrebbero raggiunto a piedi l'abitato di Rivarolo, attraverso un sentiero, in modo da evitare controlli di polizia in uscita dalle arterie autostradali.

Nella circostanza del fermo del veicolo, il soggetto seduto lato anteriore destro, notando l'avvicinarsi delle autovetture dei carabinieri, si è dato immediatamente alla fuga correndo lungo l'autostrada, facendo perdere le proprie tracce.

I due complici, bloccati e identificati come due uomini di 30 anni e di 20 anni, pregiudicati per furti in abitazione, il primo al posto di guida e il secondo sui sedili posteriori, sono stati trovati in possesso di numerosi preziosi in oro di ingente valore, oltre ad arnesi atti allo scasso e torce elettriche; oggetti preziosi che nel corso della serata/nottata saranno poi riconosciuti dalle vittime dei furti.

All'interno della vettura vi erano addirittura due conigli vivi, di grosse dimensioni, provento anch'essi di un furto perpetrato nell'abitato di Vado Ligure; gli animali sono stati successivamente affidati all'Enpa, in attesa di essere riconsegnati ai proprietari.

Il soggetto fuggito, identificato dagli operanti in un 20enne, pregiudicato, che evidentemente aveva ritenuto di non essere stato identificato, è stato invece rintracciato e sottoposto a fermo di polizia giudiziaria, il giorno seguente, cioè ieri mattina, mentre si recava in caserma per ottemperare all'obbligo di firma presso la stazione carabinieri di Genova Sampierdarena, in quanto già responsabile di precedenti furti in abitazione.

A seguito delle perquisizioni domiciliari delle abitazioni nella disponibilità di quest'ultimo è stata rinvenuta l'ulteriore refurtiva, sottratta dalle abitazioni di Vado Ligure la sera del 21 gennaio 2015, riconosciuta immediatamente dalle vittime.

In corso ulteriori indagini per stabilire eventuali responsabilità nella commissioni di furti in abitazione nel ponente genovese e nella riviera savonese.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, da lunedì tutta la Liguria in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento