Emergenza acqua a Genova: dove rifornirsi

Lento ritorno alla normalità nella fornitura idrica alle abitazioni. In funzione le autobotti in Valpolcevera, Valbisagno e nel ponente. I consigli del Comune a cittadini e amministratori condominiali

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di GenovaToday

Nell'eventualità di nuove precipitazioni nevose, continuano le operazioni di salatura  preventiva delle strade, da parte di Amiu, Aster, Municipi e dei volontari di Protezione Civile. Prosegue anche il servizio di autobotti, per il rifornimento idrico ai cittadini rimasti senz’acqua a causa delle tubature gelate.

Ecco i percorsi:

Valpolcevera: piazza Pallavicini, Cige, quartiere Diamante, via Pastorino altezza caserma dei vigili del Fuoco, via Murta, piazza Partigiani Caduti per la Libertà

Valbisagno: piazzale antistante lo stadio, piazzale antistante il cimitero di Staglieno, piazzale Bligny, rotonda di Geirato, Giro del Fullo, capolinea bus n°12

Sampierdarenacentro città: ospedale Villa Scassi, piazzale Pestarino, largo San Francesco da Paola, Belvedere da Passano, giardini Pellizzari, piazza Manin

Ponente: fontanelle pubbliche attrezzate con batterie di rubinetti, nei seguenti punti:
- capolinea bus n°1 (Voltri)
- piazza Gaggero
- lungomare di Pegli in prossimità del depuratore
- incrocio tra via Multedo e viale Villa Gavotti.

Il numero verde 800 177 797 resta attivo, 24 ore su 24, per segnalazioni inerenti all’emergenza  freddo e per l’utenza debole. Le segnalazioni possono pervenire anche al COA, telefonando al numero 010 5570.

I cittadini, ancora una volta, sono invitati a:
-lasciare un filo di acqua da uno dei rubinetti dell’impianto
-segnalare alla Polizia Municipale l’eventuale rottura di impianti antincendio
-ridurre le attività all’aperto, specialmente se si è anziani, per evitare il rischio di cadute e di raffreddamento
- mantenere puliti gli spazi antistanti le proprietà private
- ai conducenti dei veicoli si raccomanda di prestare particolare attenzione alla presenza di ghiaccio/anomalie presenti sulla sede stradale
- prestare attenzione alle prossime comunicazioni diramate dalla Protezione Civile.

Gli amministratori condominiali:
- sono invitati a prestare particolare attenzione alle tubature installate fuori terra per possibili rotture a causa delle basse temperature, attivando le  conseguenti misure del caso
- dovranno inoltre provvedere allo spargimento di sale nei tratti di loro spettanza a rischio di ghiaccio
- dovranno intervenire in presenza di ghiaccio sospeso su grondaie e cornicioni, a rimuovere  il ghiaccio e/o transennare l’area a rischio.

Si ricorda infine che, fino a lunedì 13 febbraio compreso, gli impianti di riscaldamento potranno rimanere accesi 16 ore giornaliere (anziché 12) in regime di confort (20C°+ 2C°di tolleranza).

Torna su
GenovaToday è in caricamento