Piano di rilancio dei forti: albergo a Begato e rifugio al Puin

Al forte Begato il Comune pensa di realizzare una residenza alberghiera, con caratteristica di dimora storica. Il Puin potrebbe essere utilizzato come rifugio, essendo raggiungibile solo a piedi

Il consiglio comunale di ieri è stato chiuso dall'interpellanza presentata da Franco De Benedictis (Gruppo Misto) sul recupero del forte di San Martino.

De Benedictis: «cosa si intende fare per i forti cittadini, che sono in stato di abbandono?».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Risponde l’assessore Valeria Garotta: «è in corso un tavolo con sovrintendenza e demanio relativamente a un progetto, per il conferimento al Comune della proprietà di alcuni forti (Begato, Sperone e Puin) che verranno restituiti ai genovesi, ma con una proposta di attività al loro interno. In questo modo potremo fermare il degrado di queste strutture, che pensiamo abbiano una grossa potenzialità turistica. Anche i francesi stanno sfruttando i loro forti in questo senso. A Begato, pensiamo di realizzare una residenza alberghiera, con caratteristica di dimora storica, mentre gli spazi a pianterreno ospiteranno attività artigianali e artistiche sul tema della sostenibilità. Sperone potrebbe avere altre vocazioni e Puin potrebbe essere utilizzato come rifugio, essendo raggiungibile solo a piedi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Derubato tre volte in una notte, l'ultimo ladro lo abbraccia per 'consolarlo'

  • Autostrade, concluse le ispezioni nelle gallerie; diventano gratis 150 km

  • Lite fra sorelle, la polizia scopre piante di marijuana nell'orto

  • Previsioni traffico estate 2020, un solo giorno da bollino nero

  • Inaugurato il nuovo ponte di Genova, fra «orgoglio e commozione»

  • Avvinghiati a terra in un lago di sangue, divisi con lo spray al peperoncino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento