rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Cronaca

Carlo Felice, arrivano i fondi ma saltano alcuni spettacoli

Il ministero dell'Economia e della Finanza ha sbloccato i 13 milioni di euro in fondi previsti dalla legge Bray-Franceschini e intanto si taglia la programmazione

In scena al Carlo Felice 13 milioni di fondi, finalmente. Durante il consiglio della Fondazione di lunedì 6 febbraio, che ha approvato il bilancio preventivo 2016-2017, è stato comunicato che il ministro dell'economia Padoan ha firmato l'erogazione dei fondi previsti dalla Legge Bray-Franceschini. Adesso non rimane che la registrazione alla Corte dei Conti. 

Ma il quadro è ancora a tinte drammatiche poiché il debito del teatro lirico ammonta a 35 milioni e questi 13 in arrivo rappresentano soltanto una boccata d'ossigeno. Inoltre questi soldi sono un prestito a lungo termine (30 anni) a tasso agevolato (0,50%). Il Carlo Felice, a braccetto con il Petruzzelli di Bari, era l'unico degli otto teatri lirici italiani a non aver ancora ricevuto il finanziamento Bray-Franceschini.

A farne le spese sarà anche il cartellone che subirà modifiche con tanti sacrifici: saltano, infatti, le repliche di sabato 29 aprile e domenica 7 maggio dell'opera Don Carlo, la recita di domenica 28 maggio della Maria Stuarda e anche due spettacoli della Turandot: giovedì 22 giugno e domenica 25. Infine il balletto Don Quijote sarà sostituito con quello della Carmen.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carlo Felice, arrivano i fondi ma saltano alcuni spettacoli

GenovaToday è in caricamento