menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Foce, il distributore "dimenticato" e la protesta goliardica: «A breve verrà smantellato»

Volantini e cartelli che incitano alla demolizione del benzinaio Ip di via Cecchi, da un paio d'anni abbandonato a se stesso. Il presidente del Municipio Alessandro Morgante promette: «Hanno ritirato la concessione, presto i lavori per demolirlo»

Smontami” e “La pompa di benzina è una latrina”: queste le frasi comparse sui volantini di cui è stato tappezzato il distributore ormai in disuso della Ip di via Cecchi, ormai abbandonato in una situazione di incuria e degrado e quotidianamente utilizzato come posteggio per le auto.

Il distributore sorge all’incrocio con via della Libertà, e ormai da un paio di anni è recintato dalle ormai sempre più frequenti reti arancioni per impedire l’accesso: una situazione che ha attirato l’attenzione dei residenti, uno dei quali ha deciso di mettere in scena la goliardica protesta (documentata via Facebook) per sensibilizzare le autorità a un intervento. Una missione riuscita, come conferma il presidente del Municipio Centro Est, Alessandro Morgante, che a Genova Today ha spiegato che il distributore dovrebbe presto essere smantellato: «Sinora i concessionari di Api hanno avuto il permesso di rimanere, dunque non si potevano cacciare. Pochi giorni fa però, su sollecito dei nostri uffici e del Comune dopo le numerose segnalazioni, hanno ritirato l’autorizzazione, chiudendo così la pratica: la speranza è che inizino al più presto i lavori di smantellamento per restituire l’area ai cittadini ed eliminare un punto che negli ultimi tempi è stato completamente abbandonato a se stesso».

E che, come vorrebbero molti residenti della zona, potrebbe essere sfruttato per creare nuovi parcheggi in una zona in cui, complice anche l’inizio dei lavori per la copertura del Bisagno, ce ne sono sempre meno: «Il distributore sorge nell’area terminale di un’aiuola, e di regola si cerca di portare meno macchine possibile sulle aree verdi - spiega Morgante - non escludo però che parlandone con la Mobilità non si possa fare qualcosa in proposito. Di certo quello dei posteggi è un problema molto sentito nel quartiere. A breve vicino a corso Buenos Aires dovrebbe sorgere un’area sostitutiva a quella di viale Brigate Partigiane, che potrebbe rivelarsi un ottimo polmone. Come Municipio stiamo spingendo affinché diventi totalmente Area Blu, e cioè a beneficio dei residenti, poi vedremo quali altri provvedimenti adottare in futuro».

Nel frattempo l’autore dei volantini comparsi sul distributore può consolarsi con la piccola vittoria ottenuta: «Mi pare una protesta intelligente, goliardica ma educata, che ha ottenuto lo scopo prefissato», ha ammesso con un sorriso Morgante.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

social

Arisa si sposa con Andrea Di Carlo: tutti i dettagli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento