Iplom, doppia esercitazione per testare la reazione all'emergenza

Mercoledì 27 e giovedì 28 settembre il deposito di Fegino ospiterà due esercitazioni così come previsto dal Pei (Piano di Emergenza Interno): lo scopo è misurare i tempi e i modi di gestione di una situazione emergenziale, come per esempio la rottura del tubo che si è verificata nel 2016

La raffineria Iplom a Busalla

Il deposito Iplom di Fegino, lo stesso da cui nell’aprile del 2016 uscirono tonnellate di greggio che si riversarono nel Polcevera e in mare a causa della rottura di un tubo, si mette alla prova per testare la sicurezza e i tempi di risposta delle squadre interne in caso di emergenze.

Mercoledì 27 e giovedì 28, infatti, nel deposito di Fegino andranno in scena due esercitazioni così come previsto nel PEI (Piano di Emergenza Interno), aperte alle autorità.

L’esercitazione è prevista in quanto Iplom, in qualità di gestore del deposito di Fegino (di proprietà SEAPAD) deve provvedere a predisporre un Piano di Emergenza Interno (PEI) e effettuare  simulazioni di emergenza con frequenza almeno semestrale.

 Le esercitazioni, da riferirsi agli scenari individuati nel Rapporto di Sicurezza,  sono di due tipi: 

- esercitazioni semplici, senza Vigili del Fuoco, in cui si simula un evento controllabile con immediatezza con i soli mezzi del deposito; 

- esercitazioni complesse, con Vigili del Fuoco, in cui si simula un evento completamente sviluppato che è controllato con intervento dei soccorsi esterni

 A seguito delle esercitazioni vengono validati e condivisi i protocolli di intervento che costituiscono parte integrante del Piano di Emergenza Interno (PEI). L’azienda fa sapere di avere già dato disponibilità a ospitare le autorità competenti in occasione delle attività di simulazione, e a questo proposito ha ricordato che il Piano di Emergenza viene reso disponibile alla Prefettura proprio per mettere le autorità nelle condizioni di conoscere i tempi e i modi di risposta di Iplom in caso di emergenza.

 ll Piano di Emergenza Esterno è infatti predisposto dalla Prefettura, con il supporto degli altri enti coinvolti nella pianificazione di emergenza, previa onsultazione dei cittadini e delle parti interessate in quanto contempla la gestione degli scenari incidentali i cui effetti possono avere una qualche conseguenza all’esterno del deposito e necessità quindi del coinvolgimento della popolazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche per il Piano di Emergenza Esterna (PEE) sono previste esercitazioni, che si svolgono all’esterno del deposito con il coinvolgimento diretto della popolazione e dell’azienda, a seconda di quanto stabilito dalle autorità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Passano la notte insieme in albergo, al mattino sul conto di lei mancano 750 euro

  • Schianto in via Siffredi, muore ventenne

  • Schianto in moto a Nervi, muore ragazza di 18 anni

  • Sestri Levante: massacrato dal branco per un telefono cellulare

  • Meteo: la perturbazione cambia traiettoria, modificati gli orari dell'allerta

  • A settembre su Sky la serie con Paola Cortellesi, ambientata a Genova

Torna su
GenovaToday è in caricamento