Il presidente del Municipio Levante indagato per apologia del fascismo

Aperto un fascicolo dalla procura sulla base dell’esposto del Movimento 5 Stelle per il post su Mussolini. Carleo: «Riferirò in consiglio»

La procura di Genova ha iscritto nel registro degli indagati Francesco Carleo, presidente del Municipio Levante, con l’accusa di apologia del fascismo.

Il fascicolo è stato aperto dal pubblico ministero Giuseppe Longo in seguito all’esposto presentato dai rappresentanti in Comune del Movimento 5 Stelle, ed è riferito al post (poi rimosso) che Carleo ha diffuso qualche settimana fa sulla sua pagina Facebook, in cui specificava che «la tanto attesa tredicesima venne istituita nel 1937 da Benito Mussolini come regalo di Natale ai lavoratori».

Il post aveva prevedibilmente scatenato una bufera di polemiche. Nessun commento era arrivato né da Carleo, né dal sindaco Marco Bucci e dalla sua giunta, ma l’opposizione si era duramente sbagliata contro il presidente del municipio e i consiglieri pentastellati avevano poi annunciato l’intenzione di presentare l’esposto arrivato sul tavolo della procura.

«Non ho nessun commento da fare - ha detto Carleo - mi è stato chiesto di fare un consiglio apposito, e riferirò in quella sede perché ho fatto quel post».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Speciale Rai su De André, piovono le critiche e il figlio Cristiano "punge" gli autori

  • Rientra a casa tardi e litiga con la moglie, si scopre che era a spacciare

  • Temperature in picchiata, in Liguria arriva la prima neve

  • Sos freddo al parco canile Dogsville: come aiutare

  • Razzismo contro bimbo disabile sul bus: «Me lo potete togliere?»

  • Peggioramento in arrivo: l'allerta meteo diventa arancione

Torna su
GenovaToday è in caricamento