menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Incendio sopra Voltri, soccorsi ancora al lavoro. Ed è polemica con l'assessore Mai

Il fronte è stato domato martedì sera, ma alcuni focolai restano attivi e sul posto restano vigili del fuoco e volontari. Botta e risposta e tensione per l'utilizzo del Canadair

Sarebbe sotto controllo, anche se con qualche focolaio ancora attivo, l’incendio che nel pomeriggio di martedì è divampato sopra Fabbriche, nella zona della Canellona, sulle alture di Voltri.

Vigili del fuoco e volontari anti-incendio boschivo hanno lavorato ininterrottamente tutto il pomeriggio per tentare di contenere il fronte e spegnere le fiamme, alimentate dal forte vento, usando anche il Canadair e l’elicottero della Regione. 

Alla fine il rogo è stato domato intorno alle 20, ma la bonifica ha richiesto più ore del previsto e nel pomeriggio, sempre a causa delle forti raffiche, alcune squadre erano ancora presenti sul posto per accertarsi che nessun focolaio rimanga attivo e riprenda vigore. I carabinieri forestali, nel frattempo, hanno individuato il responsabile del rogo: si tratta di un 49enne residente in zona che ha incautamente acceso un fuoco in un braciere "artigianale" perdendone il controllo.

Polemica sulle frasi dell'assessore Mai sulla gestione dell'incendio

Dalla mezzanotte, va ricordato, è entrato anche in vigore lo stato di grave pericolosità per incendi, che vieta l'accensione di fuochi in zona boschive e a rischio. E nelle ore in cui si spegnevano le fiamme, divampava la polemica per un'affermazione che l'assessore regionale all'Agricoltura, Stefano Mai, affidava a Facebook sulla modalità di gestione dell'incendio: «Sono uscito ora dal Consiglio Regionale - aveva scritto ieri Mai - vado a vedere di persona com'è la situazione. Pare che non si sia stato attivato il Canadair per assenza del Direttore Operazioni di Spegnimento dei Vigili del fuoco. Per fortuna avevamo il nostro volontariato a terra, affiancato dai vigili del fuoco e da due elicotteri regionali. Purtroppo continuiamo a vedere gli effetti negativi conseguenti l'abolizione del Corpo Forestale dello Stato».

Alle affermazioni di Mai ha risposto, sempre a mezzo social, Luca Infantino, dell’esecutivo nazionale Fp Cgil Vigili del Fuoco: «Egregio assessore, le sue affermazioni sono decisamente sbilanciate e prive di fondamento, il suo attacco all' operato dei vigili del fuoco è quantomeno discutibile poiché non solo è intervenuto il direttore operazioni di spegnimento, ma altresì attraverso l’impiego di due squadre di vigili del fuoco e l’attivazione da parte della centrale operativa dei vigili del fuoco di Genova di due squadre di volontari che operavano da terra si è portata a termine con successo l’estinzione dell’incendio. Le ricordo, infine - conclude Infantino - che attraverso i lanci effettuati e coordinati dal dos vvf del Canadair, che forse lei non sa ma fa parte della flotta nazionale dei vigili del fuoco, attorno alle 20 la situazione veniva riportata alla normalità».

Aspre critiche alle affermazioni di Mai sono arrivate anche dalle opposizioni: «Mai è inadatto e si dimetta, Toti chieda scusa ai vigili del fuoco», è stato l’attacco dei consiglieri regionali del Pd Giovanni Lunardon e Pippo Rossetti, mentre il consigliere regionale di Rete a Sinistra/LiberaMente Liguria, Gianni Pastorino, ha sottolineato che «l’assessore Mai scredita con falsità il Corpo dei Vigili del Fuoco per ammiccare agli ex Forestali, l'esempio lampante che per alcuni vengono prima i voti delle vite».

Mai ha deciso a sua volta di replicare, spiegando nel pomeriggio di mercoledì che «gli uffici regionali mi hanno confermato che durante l’intero pomeriggio il Canadair era nella zona dell’incendio, ma non per intervenire, bensì per un’esercitazione. Per l’assenza del Direttore Operazioni di Spegnimento dei Vigili del Fuoco, il Canadair è potuto intervenire solamente alle 18.20, cioè oltre 4 ore dopo l’inizio dell’incendio, per poi dover smettere le operazioni di spegnimento alle 18.34, ossia con soli 14 minuti di intervento, dato il sopraggiungere delle effemeridi. Rispetto pienamente il lavoro dei Vigili del Fuoco - ha concluso l’assessore - come quello dei volontari e di tutti coloro che si attivano per intervenire durante lo spegnimento di un incendio. A loro va il mio ringraziamento. Resta il fatto che sono pienamente convinto che l’intervento del Canadair dovesse essere più tempestivo e duraturo, come mi hanno confermato anche i miei uffici».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo, parla l'esperto: «Ecco come mai stavolta il fenomeno è così intenso»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento