rotate-mobile
Cronaca Cornigliano / Via Cornigliano

Ex Ilva: cade coil acciaio, incidente sfiorato a Cornigliano

Precipitato un un rotolo da 10 tonnellate. I delegati alla sicurezza: assenza manutenzione crea rischi crescenti

Tragedia sfiorata all'Ilva all'alba. Questa mattina, sabato 9 aprile, al reparto temper del ciclo produttivo della latta un cavo di una gru si è strappato mentre il carroponte spostava un rotolo di circa 10 tonnellate.

Il rotolo dopo aver abbattuto la transenna che delimita la zona di manovra della linea è finito in un'area di passaggio pedonale ma la professionalità dell'operatore ha evitato pesantissime conseguenze.

"Mercoledì 6 aprile consci della situazione  precaria del livello manutentivo dei mezzi di sollevamento, quali gru e carriponte avevamo chiesto mezzo pec la verifica dello stato dei cavi di sollevamento - scrive in una nota Rla Acciaierie d'Italia Genova - Pec a cui non abbiamo ancora ricevuto risposta. Così come per l'incontro chiesto per gli argomenti di apertura delle procedure di raffreddamento, la cui data non è adeguata alle questioni presentate".

I delegati alla sicurezza denunciano nuovamente che "questa cassa integrazione straordinaria è stata concessa all'azienda a fronte di investimenti quasi inesistenti ed in uno stato di degrado manutentivo che richiederebbe ben altre tempistiche e tempi di realizzo molto più stretti. Piano di investimento che tra l'altro confonde l'innovazione con la normale manutenzione".

Per gli rls "è inammissibile scoprire che le indicazioni dell'azienda spesso sono dare la priorità alla produzione anziché la sicurezza dei lavoratori e degli impianti, come nel caso della zincatura 3, dove solo per l'intervento degli rls l'impianto è stato fermato mentre la guarnizione del coperchio del  forno perdeva ed il relativo pirometro era sostenuto da un carroponte".

Da qui l'invito agli organi competenti (asl, Arpal ed ispettorato del lavoro) a vigilare sulla situazione che desta sempre maggiore preoccupazione tra i lavoratori.

Appice (Fim Cisl): “Per alcuni macchinari i lavoratori devono utilizzare lo scotch, l’azienda intervenga"

“L’azienda sta verificando le cause dell’incidente avvenuto nello stabilimento di Cornigliano dell’ex Ilva, miracolosamente non ci sono stati feriti ma  abbiamo segnalato diverse situazioni critiche e ci aspettiamo un intervento dell’azienda”, spiega Nicola Appice, RSU Fim Cisl: “Ci sono problemi che mettono a rischio la sicurezza dei lavoratori e nello stesso tempo li costringono ad aumentare la molo di lavoro come nel caso delle reggettatrici dei rotoli: dove  quotidianamente i lavoratori sono costretti a utilizzare lo scotch per sopperire ai problemi del macchinario che è rotto. Cosi come abbiamo chiesto interventi per la sicurezza e condizioni di lavoro nella zona del molo . Lunedì probabilmente organizzeremo alcune iniziative per far sentire nuovamente la nostra voce”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex Ilva: cade coil acciaio, incidente sfiorato a Cornigliano

GenovaToday è in caricamento