Esplosione davanti alla stazione Principe

L'episiodio è avvenuto in piazza Acquaverde, in prossimità dell'inizio di via Balbi, un cassonetto della raccolta differenziata della plastica è saltato in aria, il sospetto è che la causa dell'esplosione sia una bomba. Non dovrebbero esserci feriti gravi. Sul luogo sono intervenuti polizia municipale, polizia scientifica, vigili del fuoco e ambulanza

Un'esplosione che ha fatto tremare i muri. Nel primo pomeriggio, in piazza Acquaverde, in prossimità del tratto iniziale di via Balbi, lato stazione Principe, un campana della raccolta plastica è esplosa. Per fortuna non ci sono feriti, solo una donna avrebbe riportato delle lievi escoriazioni, nonostante si tratti di una zona di forte passaggio. 

Secondo le testimonianze dei negozianti il botto ha avuto una potenza tale da fare tremare i muri. Sul luogo sono intervenuti la polizia municipale, la scientifica, i vigili del fuoco e l'ambulanza. Qualche ora dopo è stata ritrovata una bomba artigianale. Il fatto è avvenuto proprio di fronte alla stazione di polizia dove sono presenti telecamere di video sorveglianza che potrebbero aiutare ad individuare i colpevoli. 

Questa la testimonianza di Luca negoziante di 25: «Ero nel mio negozio di via Balbi quando ho sentito un boato che ha fatto tremare la vetrina, ho pensato a uno sparo ma quando sono andato a vedere, all'altezza della farmacia Pescetto, ho capito che qualcuno aveva gettato una sorta di bomba nel cassonetto della plastica che è saltato in aria. Per fortuna in quel momento non passava nessuno, di solito è una strada molto trafficata e il via vai è continuo». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ruba smartphone a mamma con neonato sul bus, poi la prende a pugni

  • Coronavirus, da domenica la Liguria torna in zona gialla

  • Liguria verso zona gialla, ma gli spostamenti fuori regione restano in forse

  • Perdono entrambi i genitori nel giro di un anno: mobilitazione per aiutare due fratelli di Quezzi

  • Antiche tradizioni: cos'è il "ragno genovese"?

  • «L'ho trovato, vedrai che non succederà più»: arrestato l'aggressore di Giuseppe Carbone

Torna su
GenovaToday è in caricamento