Strade, autostrade, treni e metro: modifiche e chiusure per l'esplosione del Morandi

Dalle 7 alle 22 divieto assoluto di transito pedonale e veicolare nella zona entro i 300 metri dalle pile 10 e 11. Come cambia la viabilità, quali sono i percorsi alternativi e come si sviluppa la giornata

La macchina della demolizione si è ormai messa in moto senza possibilità di ulteriori ritardi: venerdì 28 giugno alle 9 le pile 10 e 11 del troncone est del ponte Morandi verranno fatte esplodere con un’esplosione controllata che le porterà ad abbattersi l’una sull’altra nel giro di 6 secondi. Un’operazione molto complessa e delicata, che avrà ripercussioni non soltanto nella zona “rossa” di 300 metri che verrà evacuata (qui tutti i dettagli in proposito), ma anche sulla viabilità cittadina e autostradale e sulla circolazione ferroviaria.

L’ordinanza che definisce le modifiche alla viabilità è stata diffusa e illustrata mercoledì mattina dal sindaco-commissario Marco Bucci e dal vicesindaco e assessore alla Mobilità, Stefano Balleari, e comporta limitazioni che riguardano principalmente la Valpolcevera, anche se le ripercussioni si avranno anche a lungo raggio per chi deve spostarsi in auto, mezzi pubblici o treno nell’arco di una giornata che di fatto dovrebbe terminare intorno alle 22, orario previsto di rientro dei residenti evacuati.

Demolizione Morandi con esplosivo: tutte le info utili per venerdì 28 giugno

Esplosione Morandi, le modifiche alla viabilità nella fascia evacuata

Dal punto di vista della viabilità ordinaria, dalle 6 alle 22 (o comunque sino a cessate esigenze), è vietato il transito veicolare e pedonale e il divieto di sosta e fermata dei veicoli nelle strade, o tratti di strade, che rientrano nella fascia dei 300 metri evacuata. E dunque:

- via 30 Giugno 1960; 

- via Nicola Lorenzi; 

- via Greto di Cornigliano; 

- via Giorgio Perlasca, tratto compreso tra ponte Romero e via Questa; 

- via Argine Polcevera, tratto compreso tra ponte Romero e via Questa;

- via Campi: passerella pedonale sul Torrente Polcevera altezza via Campi (il cosiddetto "ponte delle Ratelle"); 

- via Walter Fillak, tratto compreso tra via Salinero e via Canepari; 

- via Vincenzo Capello; 

- via Enrico Porro; 

- via Giuseppe Frassinello; 

- via Egisto Bezzi;

- via Sebastiano Biagini; 

- via Pietro Borsieri, tratto compreso tra via Camozzi e via Campi; 

- via Adamello, tratto compreso tra via Camozzi e vía Frassinello; 

- via Certosa, tratto compreso tra via Camozzi e via Fillak; 

- via Garello, tratto compreso tra via Gaz e via Certosa; 

- via del Campasso, tratto compreso tra via Pellegrini e via della Pietra;

- via Antonio Pellegrini;

- via Silvio Spaventa;

- salita Vittorio Bersezio; 

- via della Pietra; 

- via Adelaide Ristori; 

- via Robert Baden Powell; 

- salita al Forte della Crocetta.

Esplosione Morandi: i dettagli del piano di evacuazione. Video

Cosa succede nella fascia di attenzione dei 400 metri

Dalle 7 alle 15 è inoltre istituito il divieto di transito veicolare e pedonale nell’area che comprende la cosiddetta “fascia di attenzione”, 100 metri in cui i residenti potranno restare nelle loro case ma con finestre e tapparelle chiuse. E dunque nelle seguenti vie:

- via Renata Bianchi, tratto compreso tra via Luigi Perini e via 30 Giugno 1960; 

- via Tea Benedetti, tratto compreso tra via Bagnasco e ponte Mons. Romero (fatta eccezione per i veicoli degli autorizzati); 

- ponte Romero; 

- via Giorgio Perlasca, con transito consentito esclusivamente nella direzione mare-monte nel tratto compreso tra via Questa e via Polonio;

- via Walter Fillak, tratto compreso tra via del Campasso e via Canepari; - via Salinero; 

- piazza Palmetta; 

- via Gaz;

- via Pietro Borsieri, tratto compreso tra via Gaz e via Campi;

- via Adamello; 

- via Certosa, tratto compreso tra via Gaz e via Fillak; 

- via Mario Bercilli; 

- corso Luigi Andrea Martinetti, tratto che adduce ai civici dal 120 al 144

- nel tratto di via Perlasca compreso tra via Pieragostini e ponte Romero è ripristinato il doppio senso di marcia con istituzione, per i veicoli diretti verso mare, dell'obbligo di arresto e dare precedenza e di svolta verso destra all'intersezione con la stessa via Pieragostini.

Morandi: dalle fasi dell'esplosione al "vademecum" per l'evacuazione, si avvicina il 28 giugno

Divieto di transito per mezzi pesanti: i 3 percorsi alternativi

Dalle 7 alle 22, nelle strade cittadine è inoltre vietato il transito dei mezzi con peso superiore a 7,5 tonnellate esclusi bus, mezzi Amt e mezzi Amiu. Escluse dal divieto le seguenti strade:

- Zona litoranea, portuale e aeroportuale: via Guido Rossa, via della Superba, lungomare Canepa, ponte elicoidale, via Milano, tratto compreso tra lungomare Canepa e via Balleydier e via Balleydier;

- Zona alta Valpolcevera: via Ezio Faggioni, via Ferriere Bruzzo, via Sardorella, via Armando Maffei, rotonda Bertelli, via Giacomo Bruzzo, via delle Antiche Bratte, pone Omero Ciao, ponte Luigi Ratto, via al Santuario di Nostra Signora della Guardia ( tratto compreso tra ponte Divisione Alpina Cuneense e via degli Artigiani), pone Divisione Alpina Cuneense, lungotorrente Secca, via Romairone, via Luigi Maria Levati, via Angelo Scala, tutta la viabilità a monte del lungotorrente Secca e via Angelo Scala.

- Zona bassa Valpolcevera - medio ponente (transito consentito dalle 7 alle 8 e dalle 17 alle 22): corso Persone, tratto compreso tra il civico 59 r e via Perini; via Perini; via Renata Bianchi, tratto compreso tra via Perini e via Bagnasco; via Bagnasco, via Tea Benedetti, tratto compreso tra via Bagnasco e via della Superba.

Per i veicoli aventi massa superiore a 7,5 tonnellate è istituita un’area di sosta nelle aree Ilva con accesso dalla rotatoria Castruiccio, regolamentata dalla polizia Locale. Nel mercato ortofrutticolo di Bolzaneto è stata invece allestita un’area di smistamento dei veicoli con massa superiore alle 7,5 tonnellate provenienti dall’A7.

Dalle 7 alle 22 vietata la permanenza di persone nell’area compresa nel raggio di 300 metri dalle pile 10 e 11, e dalle 8 alle 15 nel raggio di 400 metri.

Autostrada, orari chiusura venerdì 28 giugno

L’autostrada A7 Serravalle-Genova sarà, prevedibilmente, interessata dall’esplosione. E dunque stop al traffico dalle 6 alle 22 di venerdì 28 giugno nel tratto compreso tra l’allacciamento con la A12 Genova-Sestri Levante e la barriera di Genova ovest, in entrambe le direzioni, verso Genova e in direzione di Serravalle-Milano. 

In alternativa, Autostrade segnala i seguenti percorsi: 

- per i veicoli leggeri: chi proviene da Livorno/Sestri Levante, dovrà proseguire obbligatoriamente sulla A7 Serravalle-Genova, verso Serravalle/Milano e uscire alla stazione autostradale di Genova Bolzaneto;  chi proviene da Milano/Serravalle, dovrà proseguire obbligatoriamente sulla A12 Genova-Sestri Levante e potrà uscire alla stazione autostradale di Genova est.  Sarà possibile accedere in autostrada dalle stazioni autostradali di Genova est, sulla A12 Genova-Sestri Levante e di Genova Aeroporto, sulla A10 Genova-Savona. 

- per i veicoli pesanti: chi proviene dalla A12 Genova-Sestri Levante o dalla A7 Serravalle-Genova ed è diretto verso i porti di Genova, potrà utilizzare la A7 Serravalle-Genova verso Serravalle/Milano fino all’allacciamento con la D26 Diramazione Predosa-Bettole, proseguire sulla A26 Genova Voltri-Gravellona Toce verso Genova, immettersi sulla A10 Genova-Savona e uscire alla stazione autostradale di Genova Pra’ per raggiungere il porto di Pra’ o alla stazione di Genova Aeroporto per raggiungere il porto di Genova. 

Questi percorsi alternativi saranno obbligatori per i mezzi pesanti che viaggiano dal levante e dal ponente ligure e viceversa; i mezzi pesanti, infatti, non potranno raggiungere i porti di Genova dalle stazioni autostradali della A12 Genova-Sestri Levante e della A7 Serravalle-Genova.

«La chiusura è stata predisposta dalle 6 alle 22 - ha detto il sindaco Marco Bucci - ma noi contiamo di essere in grado di riaprire il tratto, almeno per l’accesso al Terminal Traghetti, già intorno alle 18: lo vedremo strada facendo».

Treni, modifiche alla circolazione venerdì 28 giugno

Per l'intera giornata di venerdi 28 giugno, nessuna modifica è prevista per i Regionali e i treni a lunga percorrenza fra Genova, Milano, Torino, La Spezia e Ventimiglia. Variazioni, invece, sono previste per due linee  in particolare.

- Linea Genova-Ovada-Acqui Terme: le stazioni di Borzoli, Costa di Sestri Ponente, Granara, Acquasanta e Mele saranno raggiungibili solo con mezzi Amt o Atp; nelle restanti località il servizio viene garantito da bus sostitutivi tra Pra' e Ovada, mentre tra Ovada e Acqui Terme è attivo il servizio ferroviario (solo il Regionale 6051 viene sostituito con bus tra Acqui e Pra' e tra Ovada e Brignole).

- Linea Genova-Busalla-Arquata Scrivia-Novi Ligure: i treni fra Genova e Busalla circoleranno tra le stazioni di Rivarolo e Busalla, i treni fra Genova, Arquata e Novi Ligure non fermeranno a Rivarolo e Sampierdarena (raggiungibile con i treni della linea Genova-Savona). A Bolzaneto e Principe, i treni potranno subire lievi posticipi d'orario.

Le linee “Bastioni” - utilizzata per il traffico passeggeri e merci fra Genova Sampierdarena, Ovada, Milano e Torino - e “Sommergibile” - utilizzata per il traffico merci fra gli scali di Genova Marittima e Genova Sampierdarena - saranno chiuse.

Circa cento i tecnici di rete Ferroviaria Italiana che garantiranno la massima efficienza del trasporto ferroviario. Sarà attiva una task force con presenziamenti straordinari del personale per eventuali necessità manutentive di pronto intervento nelle principali stazioni dell’intera Liguria e del basso Piemonte.

Venticinque gli operatori di Trenitalia che assisteranno le persone, in particolare nelle stazioni di Genova Principe, Genova Brignole, Genova Pra, Ovada e Sestri Ponente e forniranno informazioni sull’eventuale riprogrammazione dei servizi di trasporto e e quelli sostitutivi

Attivo anche, per tutta la giornata di venerdì 28 giugno, il Centro Operativo Territoriale a Genova per il monitoraggio del traffico ferroviario ligure minuto per minuto.

Amt e metropolitana, orari e modifiche venerdì 28 giugno

I bus Amt dovranno necessariamente adeguarsi alle modifiche alla circolazione che valgono per i veicoli privati.

La linea 59, che collega via dei Landi con corso Belvedere, per l’intera giornata non transiterà in via Baden Powell.

La linea FP (via Fanti D’Italia – via Porro) sarà limitata in piazza Montano per l’intera giornata.

La linea integrativa I06 (piazza Masnata – via del Campasso) sarà sospesa per l’intera giornata.

La metropolitana non effettuerà servizio nella tratta compresa tra Brin e Dinegro nei quindici minuti precedenti l’esplosione e nei quindici minuti immediatamente successivi. In quell’arco temporale la stazione di Brin resterà chiusa e interdetta all’accesso del pubblico. La chiusura della stazione sarà gestita in tempo reale dal personale della metropolitana presente sul posto che provvederà ad informare la clientela del fermo temporaneo. Trascorsi 15 minuti dall’esplosione, la stazione di Brin e la tratta Brin - Dinegro verranno riaperte.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La tratta compresa tra Dinegro e Brignole non subirà interruzioni.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Genova usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accensione riscadamento 2020: a Genova i termosifoni si accendono dal 14 ottobre

  • Coronavirus: chiusi h24 e sale giochi in tutta la città, i provvedimenti per le zone "rosse"

  • Coronavirus, in arrivo la nuova ordinanza per Genova

  • Covid: i confini delle nuove "zone rosse" di Genova, strada per strada, e cosa è vietato fare

  • Coronavirus e ipotesi lockdown, Bassetti: «Coprifuoco opportuno per Genova, Milano e Roma»

  • Coronavirus: in arrivo un nuovo Dpcm, sembra escluso il 'coprifuoco'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento