Boom di spugne ed esche avvelenate, scattano le ronde per salvare i cani

Dopo i numerosi ritrovamenti dei giorni scorsi, sono moltissime le persone che hanno dato disponibilità a scendere in strada per scoraggiare chi dissemina i bocconi

Fare gruppo non solo per segnalare episodi, ma anche per tenere d’occhio il territorio e, quando possibile, farsi vedere in strada compatti e fungere da deterrente: in un periodo in cui si teme per la salute dei cani e in generale dei quattro zampe per i numerosi ritrovamenti di spugne fritte, bocconi avvelenati ed esche ripiene di chiodi, chi ha un animale in casa ha deciso di fare rete e ha iniziato a pensare nuovamente alle ronde di quartiere.

La paura, ormai, attraversa tutta la città: spugne e bocconi sono stati trovati da levante a ponente, sulle alture e vicino al mare, e in molti sono convinti che dietro vi sia un gruppo organizzato che batte la città e piazza sistematicamente le esche per fare quanto più danno possibile. Ed è proprio per cercare di fermare chi attenta alla vita dei quattro zampe che lo scorso anno, in un periodo simile a quello attuale, era nato il gruppo “Emergenza Bocconi Genova”, che nei giorni scorsi ha visto un nuovo picco di iscrizioni superando le 1.900.

Proprio dal gruppo è stata lanciata l’idea di organizzare le ronde, non per «beccarne uno - scrive chi lancia l’idea - ma per fungere da deterrente. Qui non è un singolo pazzoide, ma un gruppo organizzato che pianifica questi attacchi periodici». 

I timori, insomma, sono tanti, e il boom di ritrovamenti spaventa anche chi prende tutte le precauzioni del caso (guinzaglio, museruola e bottiglietta di acqua ossigenata da far ingerire in piccola quantità nel caso in cui l’animale dovesse mangiare qualcosa di nocivo) quando porta a passeggio il cane. 

Le esche, d’altronde, sono state individuate in moltissime zone della città e nei punti di maggior passaggio e frequentazione di cani: al Righi (dove sono stati trovati wurstel ripieni di spilli), a Nervi, nella zona del Porticciolo, e ancora a Sestri Ponente, con ritrovamenti disseminati tra piazza Baracca, via Domenico Oliva, via Priano e a Villa Rossi, Sampierdarena e Manesseno. 

Le segnalazioni si moltiplicano ora dopo ora, complice il passaparola, e sui gruppi c’è già chi parla di due cani morti a Begato, anche se la notizia è tutta da verificare e, pur verificata, non è certo che le morti siano state causate da bocconi o spugne. Di certo c’è che dopo mesi di relativa calma, la questione (già approdata sul tavolo della Procura) esche e bocconi sembra crescere nuovamente, fomentata anche da volantini in cui ignoti minacciano di piazzarle per protesta contro il comportamento incivile di padroni che non raccolgono le deiezioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Olga, dall'Uzbekistan a Genova per aprire la prima "sfuseria" dei vicoli

  • Due trattorie di Genova tra le migliori in Italia, secondo la classifica di "Repubblica Sapori"

  • Nuovo ponte: ecco come verrà sollevata la maxi campata

  • Tragedia in via Piacenza: uccide la moglie e si getta dal balcone

  • Nuovo ponte: maxi trave è troppo lunga, il varo slitta per "limarla"

  • Evasore totale affitta villa extra-lusso su Airbnb, scatta il sequestro

Torna su
GenovaToday è in caricamento