Cronaca

Esaote, i lavoratori sospendono lo sciopero a oltranza

Segnali di apertura da parte dei dipendenti dell'azienda, che lo scorso 12 febbraio avevano incrociato le braccia in seguito alla richiesta di allungare i turni di lavoro

Segnali di apertura da parte dei dipendenti Esaote, che dopo avere annunciato, lo scorso 12 febbraio, uno sciopero a oltranza, hanno deciso di tornare sui loro passi e dichiararlo sospeso.

«In attesa che il Comune si pronunci sul Puc per il cambiamento della destinazione delle aree di Sestri, vogliamo con questo gesto convincere i vertici Esaote a prendere in mano la situazione e aprire subito il tavolo di confronto che da 8 mesi viene chiesto inutilmente», hanno fatto sapere i sindacati in una nota, nel giorno in cui l’amministrazione comunale ha chiesto un incontro all’azienda per «fare il punto su una trattativa che si protrae da troppo tempo, mantenendo ancora incerte le prospettive industriali del gruppo a Genova».

I lavoratori erano scesi sul piede di guerra la settimana scorsa in risposta alla decisione dell’azienda di allungare i turni di lavoro per terminare le produzioni mentre la questione della “cessione” di quasi 50 dipendenti a Elemaster non era stata presa in considerazione.

Oggi intanto i lavoratori di Oms Ratto, ramo dell’azienda biomedicale, sono tornati a Palazzo Tursi per assistere al consiglio comunale a una settimana dalla seduta ad alta tensione che aveva visto un ristretto gruppo di persone tentare di irrompere nella zona riservata agli uffici per ottenere un colloquio con il vicesindaco Stefano Bernini, che aveva promesso di convocare a breve un incontro con i vertici dell’azienda per discutere del piano industriale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esaote, i lavoratori sospendono lo sciopero a oltranza

GenovaToday è in caricamento