Cronaca

Ericsson va avanti sulla strada dei licenziamenti, nuovo sciopero agli Erzelli

Dopo il nulla di fatto nell'incontro al ministero dello Sviluppo Economico, i lavoratori di Ericsson scenderanno nuovamente in piazza mercoledì 14 settembre. Prevista una manifestazione a Genova

Ericsson è inamovibile e mantiene i licenziamenti. È il risultato dell'ennesimo incontro romano per la vertenza, finito con un mancato accordo. L'azienda non sospende la procedura e va avanti per la propria strada.

In questi mesi la multinazionale svedese è stata sorda a qualunque richiesta di trattativa con il sindacato e anche alle proposte degli enti locali (Regioni e Comuni).

«Nonostante il pessimo risultato - afferma la Cgil -, attribuibile in larga parte al Governo che in questi mesi è stato totalmente assente e superficiale, l'impegno dei lavoratori e del sindacato continua con lo sciopero nazionale del 14 settembre. In quella occasione a Genova si terrà una manifestazione».

La vertenza coivolge 147 lavoratori degli Erzelli, 385 a livello nazionale. Un duro colpo per il tessuto economico della città e per il progetto degli Erzelli, a maggior ragione dopo l'analoga decisione di Piaggio Aero di lasciare a casa 89 dipendenti nel capoluogo ligure.

A Genova i dipendenti Ericsson si daranno appuntamento domani, mercoledì 14 settembre alle ore 9 davanti alla Prefettura, presidio durante il quale chiederanno di essere ricevuti dal Prefetto in relazione alla vertenza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ericsson va avanti sulla strada dei licenziamenti, nuovo sciopero agli Erzelli

GenovaToday è in caricamento