menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ericsson: altri 600 licenziamenti in arrivo

Assemblea sindacale nella mattinata di mercoledì 4 ottobre agli Erzelli, sciopero nazionale giovedì 5 con una delegazione genovese a Roma

Crisi senza fine per Ericsson e ancora licenziamenti in arrivo. Sono 300 quelli appena effettuati, ma altri 600 esuberi sono stati annunciati a livello nazionale dall'amministratotre delegato dell'azienda, alcuni dei quali potrebbero colpire anche la sede genovese dove in dieci anni i dipendenti si sono dimezzati scendendo da 1200 a 550. Sciopero nazionale giovedì 5 ottobre e assemblea sindacale mercoledì 4 ottobre le risposte di lavoratori e sindacati.

Sindacati all'attacco

Slc Cgil Genova, in una nota, ha infatti attaccato le istituzioni nazionali e ha annunciato le prossime iniziative per la tutela dei lavoratori: «Continua senza alcun argine lo spopolamento della mitica e celebrata collina degli Erzelli dove l’azienda nel 2012 ha fatto da capofila al trasferimento di altre aziende del settore. In questi anni il Governo è rimasto fermo e non è stato fatto nulla per salvaguardare una delle eccellenze italiane nel campo delle telecomunicazioni; è un fatto grave che colpisce direttamente molti lavoratori e molte famiglie e che sta depauperando le nostre conoscenze e l’alta professionalità del settore».

Assemblea sindacale

«Per oggi, mercoledì 4 ottobre 2017, è stata convocata presso il sito genovese una assemblea sindacale dalle ore 9,30 alle ore 10,30 nella quale verranno illustrati i dettagli di quanto detto oggi in riunione. Intanto, noncurante di lasciare altre 600 dipendenti nell’incertezza, Ericsson ha organizzato per la mattinata di domani un evento dedicato ai clienti dal titolo “Innovation day agli Erzelli”».

Sciopero nazionale

«Per rispondere all’arroganza dell’azienda - chiude Slc Cgil Genova - e per contrastare questa deriva che pare inarrestabile, per il prossimo giovedì 5 ottobre è organizzato uno sciopero durante il quale sarà effettuato un presidio sotto il Ministero dello Sviluppo Economico e al quale parteciperà anche la delegazione genovese.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, Toti: «Riaperture dal 20 aprile, ci sono le condizioni»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento